Archivi per tag: lavoro

Pareggio di bilancio, Orlando: “mi vergogno, la Bce ci ricattò” – da ricordare

Di Maurizio Blondet , il - 243 commenti

(Ancora un copia-incolla: qui un articolo del 25/11/2017) http://www.libreidee.org/2017/11/pareggio-di-bilancio-orlando-mi-vergogno-la-bce-ci-ricatto/ «Se non inserite il pareggio di bilancio nella Costituzione, vi tagliamo i viveri: restate a secco, senza stipendi». Così la Bce di Mario Draghi ricattò il governo, che dovette piegarsi: la norma ammazza-Italia fu varata l’8 maggio 2012 dall’esecutivo guidato dal super-tecnocrate Mario Monti, per avere effetto a partire dal 2014. A... Continua a leggere

Italia – La battaglia sui dati dell’occupazione – Parla il senatore Pietro Ichino

Di Ticino Live , il - 3 commenti

“Lunchtime atop a skyscraper” AL DI LÀ DELLE OSCILLAZIONI MENSILI, QUELLI CHE CONTANO SONO I SALDI OCCUPAZIONALI COMPLESSIVI, I QUALI DICONO CHE IL MERCATO DEL LAVORO SI È RIMESSO IN MOTO E STA MOLTO MEGLIO OGGI RISPETTO A DUE ANNI FA Intervista a cura di Rosaria Amato, pubblicata da la Repubblica il 19 ottobre 2016 (abbreviata) www.pietroichino.it SENATORE PIETRO ICHINO Rosaria Amato  Da una prima lettura integrata dei dati Inps di oggi [19 ottobre, ndR] emergono meno contratti... Continua a leggere

Come smontare il dato sull’occupazione Usa e prendere atto che i dati cinesi, in confronto, sono oro colato

Di Mauro Bottarelli , il - 8 commenti

Rullo di tamburi: quanti posti di lavoro non agricoli sono stati creati nel mese di dicembre negli Stati Uniti? Qualcosa come 292mila, contro le attese di 200mila unità e in salita dal dato – già rivisto al rialzo – di novembre di 252mila, come ci mostra il grafico. Un successone, non fosse per un particolare che ci mostra questo grafico: non solo non c’è stata l’aumento minimo dei salari che ci si attendeva – il consensus era a +0,2% – ma, anzi, per... Continua a leggere

Immigrazione, Svezia e Islam: qualche cifra per ragionare e capire

Di Mauro Bottarelli , il - 97 commenti

Il tema dell’immigrazione non cessa di riempire le pagine dei giornali e i servizi dei telegiornali e, in effetti, la sua proporzione e il suo impatto sono di quelli storici, tanto che oggi a Bruxelles si terrà l’ennesimo – inutile – vertice europeo di emergenza (talmente urgente che è stato indetto una settimana fa). Al di là delle ideologie e delle convinzioni di ognuno, un tema così va affrontato con freddezza e razionalità ma anche scevri da buonismi emotivi,... Continua a leggere

Libertà o Virus ?

Di JLS , il - 7 commenti

Oggi spiegavo ai miei studenti del politecnico, concetti relativi alla Customer Satisfaction e facevo degli esempi reali provenienti dal mondo aziendale e industriale in particolare, che frequento da quasi trent’anni. Non ho potuto fare meno di collegare la vita e il successo di un azienda a quella che è la reale e immutabile essenza del libero scambio. Un bisogno vecchio o nuovo, da una parte; qualcuno che si organizza per soddisfarlo e averne un tornaconto, dall’altra. Tutto qui.... Continua a leggere

BRAINSTORMING per Ritardatari, Indecisi e Creativi

Di JLS , il - 40 commenti

ADESSO TOCCA AI RITARDATARI E AI CREATIVI  : Dato il numero considerevole di commenti e suggerimenti dei lettori di questo post, inserito il 27.5 scorso, decidiamo con FK di ripostarlo in data odierna, per raccogliere altri suggerimenti di ritardatari, indecisi, e di lettori e amici che sebbene hanno già espresso le loro idee, ne hanno altre ancora.   Esistono e sono studiati e perfezionati ormai da decenni, metodi di indagine vari per la ricerca delle cause di un problema. Vengono... Continua a leggere

1 MAGGIO FESTA RINVIATA

Di romix , il - Replica

Francesco Petrarca, nelle sue poesie, esortava gli italiani a rinascere, rifacendosi a valori virtuosi e patriottici che mettevano al centro l’uomo, la sua creatività, il suo spirito critico, il diritto di esprimere la propria personalità e contribuire, con il suo operato a far evolvere la società. Oggi come nel XIV secolo possiamo trovare segni di decadenza civile, basti pensare ad esempio, alla frattura ancora esistente tra il Nord ed il Sud del Paese, alle migliaia di imprese che hanno... Continua a leggere

L’enciclopedia Letta, non l’agenda

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica Cosa possiamo aspettarci dal governo Letta? Quando, all’indomani del voto, abbiamo indicato come unica via possibile – per superare l’impasse determinato dal pareggio elettorale e per arginare lo tsunami grillino – quella di un governo Pd-Pdl, abbiamo anche sostenuto una precisa “road map”: cioè che dovesse porsi come scopo quello di realizzare 3/4 riforme fulminee, poche cose ma buone, in 6-12 mesi massimo, per poi riportare il paese... Continua a leggere

Eccola. LA TASSA SUI LICENZIAMENTI. Complimenti a Monti e Fornero “nel pieno delle loro funzioni”. Colpite anche le imprese fino a 15 dipendenti.

Di Joe Black , il - 11 commenti

      Svegliati, piccolo imprenditore, che ci sono brutte novità in arrivo… Eh?   In piena crisi che ha visto un’ accellerazione dei licenziamenti entro il 31 dicembre 2012 (Complice forse questa prevista stangata per le imprese sopra i 15 dipendenti già prevista nella legge Fornero, come pure l’abbassamento dell’ammontare egli istituti assistenziali dal primo gennaio)… …arriva quella che sarà presto definita... Continua a leggere

Università, i signori della truffa

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica e L’Opinione Quasi 60 mila iscritti in meno alle nostre università tra l’anno accademico 2003/2004 e quello 2011/2012, un calo del 17%, come se fosse scomparso un grande ateneo come la Statale di Milano. Un dato che ha provocato grande sconcerto e allarme tra i benpensanti, secondo cui l’accesso all’istruzione universitaria dovrebbe essere un diritto garantito a tutti e una vocazione universale. Che quel diritto produca in concreto un esercito di... Continua a leggere

Sinistra irriformabile: perso il "treno" Renzi

Di Federico Punzi , il - Replica

Perso l’ennesimo treno verso democrazia e modernità Con ogni probabilità sarà Bersani a vincere le primarie del centrosinistra, nonostante sia stato letteralmente asfaltato nel duello tv su Raiuno. Perché l’elettorato tradizionale della sinistra è molto conservatore e diffida delle ricette dal retrogusto liberale di Renzi e persino del suo modo “moderno” di comunicare (solo perché brillante si merita l’accusa di “cripto-berlusconismo”); e... Continua a leggere

Sulla patrimoniale Monti strizza l’occhio alla coppia Pd-Sel?

Di Federico Punzi , il - Replica

Dopo la smentita ufficiale di martedì, anche ieri autorevoli esponenti dell’esecutivo – i sottosegretari Catricalà e Polillo, i ministri Giarda e Fornero – sono tornati a negare che in questo momento il governo stia pensando ad una nuova imposta patrimoniale o ad accrescere quelle esistenti. Imposte sul patrimonio, tra l’altro, il governo le ha già introdotte: sugli immobili, sui beni di lusso e sui conti deposito e titoli. E’ assodato, dunque, che al “Financial... Continua a leggere

Fondo Giavazzi? Più che una goccia, una lacrima

Di Federico Punzi , il - Replica

Renato Brunetta è tornato a confermarlo anche ieri: nella legge di stabilità, all’esame della Camera, ci sarà spazio per un “fondo Giavazzi” – la cui formula lo stesso ex ministro ammette essere «un po’ vaga» – in cui far confluire le risorse provenienti dal riordino del sistema dei sussidi pubblici alle imprese (una spesa totale di 33 miliardi annui) per finanziare un credito d’imposta per ricerca e innovazione e la riduzione dell’Irap, secondo lo... Continua a leggere

Fornero nuovo nemico di classe

Di Federico Punzi , il - Replica

Come si spiega il livore che suscita, quasi ad ogni sua uscita pubblica, il ministro del lavoro Elsa Fornero? Forse ad irritare è il suo distacco accademico; forse non le si perdona il pragmatismo con cui osserva una realtà del mercato del lavoro così diversa, lontana ormai anni luce, da quella fantasticata dai reduci dell’ideologia del “posto fisso” e della cultura assistenzialista; e forse incide una certa misoginia. Fatto sta che il ministro Fornero è oggetto di una... Continua a leggere

No alla scuola come assumificio né per fare cassa

Di Federico Punzi , il - Replica

Da una parte il governo, che inserendo nella legge di stabilità l’aumento delle ore di lezione per docente a stipendio invariato dimostra di essere interessato unicamente a fare cassa; dall’altra la difesa corporativa degli insegnanti e la levata di scudi, «a tutela dei docenti», della solita sinistra politica e sindacale, che perseverano nella loro concezione della scuola pubblica come “assumificio”, principale causa del disastro educativo italiano. Nessuno sembra... Continua a leggere

Monti tra verità e contraddizioni

Di Federico Punzi , il - Replica

Bisogna dare atto al premier Mario Monti di non essersi nascosto dietro un dito: «In parte le nostre decisioni hanno contribuito ad aggravare» la crisi. Quale capo di governo, quale politico, avrebbe avuto l’onestà intellettuale di una simile ammissione? Negare, negare anche l’evidenza, è la parola d’ordine dei politici (e non solo). Monti ha dunque parlato con il linguaggio della verità, e va apprezzato per questo, ma la sua autostima gli ha impedito di evitare di... Continua a leggere

Basta tavoli e appelli. Decisioni e meno tasse

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su L’Opinione L’appello di Monti alle parti socali elude il tema del cuneo fiscale L’economia italiana ha bisogno dell’esatto opposto di una «politica industriale», di aiuti pubblici più o meno camuffati da incentivi, elargiti agli imprenditori amici o in modo dirigistico, pretendendo di intuire i settori strategici. Ha bisogno di meno Stato: meno tasse, meno oneri burocratici, meno sussidi distorsivi. Dubitiamo quindi che lo stanco rito della concertazione, o... Continua a leggere

TABLET E SCALPELLO

Di romix , il - Replica

Il periodo attuale è percorso apparentemente da una crisi di tipo economico – politica. Approfondendo la questione viene fuori una caratteristica che evidenzia la crisi, specie da un punto di vista sociale. Tale caratteristica è la paura, condita dall’abitudine di condurre la vita nel modo più facile possibile. Insomma oggi siamo in crisi perché ci manca il coraggio di cambiare. Tutti noi, alla nascita, da bambini, possiamo fare un sacco di cose. Lo dimostra la nostra capacità di... Continua a leggere

ENTRA OGGI IN VIGORE LA “PACCATA” (RIFORMA FORNERO). QUALCHE FLASH. PER SQUINZI (CONFINDUSTRIA) E’ UNA “BOAIATA” PER I DATORI DI LAVORO UN INCUBO. SCONTENTI I SINDACATI. ININFLUENTE SULLO SPREAD.

Di Joe Black , il - 18 commenti

        Si segnalano importantissime novità con l’approvazione, a colpi di decreto e fiducie, della “riforma del lavoro” , una legge attesa che ha deluso sia le imprese che i sindacati e che pare dettata unicamente da esigenze di urgenza per arrivare al tavolo dell’Unione Europea con uno “straccio” di legge approvata a favore del mercato. Ingredienti: Un Ministro del lavoro   Un datore di Lavoro (si di quelli che lavorano 14 ore al... Continua a leggere

Diritto al lavoro o al posto di lavoro? Il problema è costituzionale

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su L’Opinione Nell’intervista al Wall Street Journal che ha innescato l’ennesima polemica il ministro Fornero parlava di job, non di work. Il posto di lavoro (in inglese job, appunto) non è un diritto, ma qualcosa che si conquista. Queste le sue parole, diventate semplicemente «il lavoro (work) non è un diritto» nell’ingenua sintesi del giornalista del quotidiano Usa. Tutto chiarito, dunque? Nient’affatto. Noi italiani ci appassioniamo spesso alle... Continua a leggere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi