Archivi per tag: ocse

Lasciate stare il Bilderberg, agire nell’ombra è altra cosa. Vedi il caso Regeni. O Banco Popular

Di Mauro Bottarelli , il - 17 commenti

“I bilanci delle banche non sono stati risanati completamente, come dimostra l’alto stock di crediti deteriorati in alcune parti dell’Eurozona. C’è quindi bisogno di altro lavoro su questi asset e le condizioni perché ciò accada devono essere realizzate dalle giuste politiche ed autorità”. Parole del presidente della Bce, Mario Draghi al Brussels Economic Forum. Nel frattempo, sempre ieri, l’Ocse scriveva nel suo Business and Financial Outlook che la... Continua a leggere

Il commercio globale si è schiantato. E l’export di deflazione spiana la strada alla nuova recessione

Di Mauro Bottarelli , il - 26 commenti

Presi come siamo a cercare di capire cosa farà la Fed tra poco più di un mese, rischiamo di non renderci conto di un qualcosa che è già nei fatti: una seconda recessione globale. Partiamo da questo grafico, il quale ci mostra come l’esportazione di deflazione a livello mondiale stia proseguendo, visto che i prezzi dell’import Usa sono scesi dello 0,5% su base mensile a ottobre, la settima delusione delle aspettative da inizio anno. Ma questo secondo grafico ci dice... Continua a leggere

Immigrazione, Svezia e Islam: qualche cifra per ragionare e capire

Di Mauro Bottarelli , il - 97 commenti

Il tema dell’immigrazione non cessa di riempire le pagine dei giornali e i servizi dei telegiornali e, in effetti, la sua proporzione e il suo impatto sono di quelli storici, tanto che oggi a Bruxelles si terrà l’ennesimo – inutile – vertice europeo di emergenza (talmente urgente che è stato indetto una settimana fa). Al di là delle ideologie e delle convinzioni di ognuno, un tema così va affrontato con freddezza e razionalità ma anche scevri da buonismi emotivi,... Continua a leggere

In attesa della Fed, fate ciao ciao al Giappone

Di Mauro Bottarelli , il - 25 commenti

Unicorni per tutti! Stamattina, con gli occhi del mondo puntati sulla Fed, è il Giappone a regalarci soddisfazioni enormi. Ecco a voi gli ultimi dati macro relativi al commercio: export ad agosto in crescita del 3,1% annualizzato contro le stime del 4,3%, importazioni giù del 3,1% contro attese del -2,5% e il deficit a 569,7 miliardi di yen contro le aspettative di 540,0. Insomma, letture ai minimi da sei mesi e tutte al di sotto delle stime. Risultato in Borsa? Il NIkkei ha chiuso a +1,43%... Continua a leggere

Letta Laqualunque alla riscossa….

Di JLS , il - 4 commenti

31.1.2014 : LETTA ALLA RISCOSSA Il parassita del Konsiglio itaGliota affiancato da due scherani di palazzo chigio, dichiara ai pennivendoli presenti nella sala stampa : “chi presiede un ente di stato, come l’INPS non può coprire altri incarichi”. Aliceletta nel paese delle meraglie : l’itaGlia appunto. Il parassita del Konsiglio ha disdetto nei giorni scorsi per motivi sconosciuti, il programmato viaggio in Svezia in cerca di investimenti e investitori. Dalla Electrolux avevano... Continua a leggere

Fallito il tentativo di minimizzare la stangata Imu

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica e L’Opinione Un prelievo di quasi 24 miliardi in un anno, un punto e mezzo di Pil direttamente trasferito allo Stato dalle tasche dei cittadini, usate come vero e proprio Bancomat; 2 miliardi al mese; 65 milioni di euro al giorno. E’ questo il gettito Imu nei dati ufficiali del Tesoro, che nonostante il tentativo di nasconderlo, di minimizzarlo, confermano il salasso. Confermato anche il gettito dalle prime case: 4 miliardi. Il versamento medio per la prima... Continua a leggere

Università, i signori della truffa

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica e L’Opinione Quasi 60 mila iscritti in meno alle nostre università tra l’anno accademico 2003/2004 e quello 2011/2012, un calo del 17%, come se fosse scomparso un grande ateneo come la Statale di Milano. Un dato che ha provocato grande sconcerto e allarme tra i benpensanti, secondo cui l’accesso all’istruzione universitaria dovrebbe essere un diritto garantito a tutti e una vocazione universale. Che quel diritto produca in concreto un esercito di... Continua a leggere

Con Monti abbiamo solo guadagnato tempo, ma non basta

Di Federico Punzi , il - Replica

Le stime diffuse dall’Ocse delineano una prospettiva nient’affatto incoraggiante per la nostra economia. Nel 2012 il calo del Pil sarà del 2,2%. Tutto sommato un dato a cui ci eravamo abituati dopo le stime del governo e di altre autorevoli istituzioni, tutte intorno al -2,4%. Ciò che preoccupa è che l’Ocse prevede una cospicua contrazione del Pil anche nel 2013 (-1%), ancor più grave sia perché tra il 2008 e il 2012 si è già contratto molto – alla fine di... Continua a leggere

No alla scuola come assumificio né per fare cassa

Di Federico Punzi , il - Replica

Da una parte il governo, che inserendo nella legge di stabilità l’aumento delle ore di lezione per docente a stipendio invariato dimostra di essere interessato unicamente a fare cassa; dall’altra la difesa corporativa degli insegnanti e la levata di scudi, «a tutela dei docenti», della solita sinistra politica e sindacale, che perseverano nella loro concezione della scuola pubblica come “assumificio”, principale causa del disastro educativo italiano. Nessuno sembra... Continua a leggere

Istruzione: il guaio è che spendiamo male

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche quest’anno il rapporto Ocse Education at Glance (su dati 2009) suggerisce che il problema del sistema educativo italiano non è legato tanto alla quantità della spesa, quanto alla sua qualità ed efficienza, smentendo così i soliti luoghi comuni statalisti. La nostra spesa è troppo squilibrata, da un lato a favore di scuole primarie e secondarie inferiori, mentre soffrono licei e università, dall’altro sulla spesa corrente (salari) a danno degli investimenti (edilizia e... Continua a leggere

Agenzie di rating : circolo vizioso e nessun rapporto con l’economia reale

Di Ticino Live , il - Replica

Le agenzie di rating accelerano e amplificano la crisi del debito in Europa, constata l’Università di San Gallo in uno studio. Le agenzie creano un circolo vizioso senza rapporto alcuno con l’economia reale. Gli esperti dell’università sangallese criticano la mancanza di trasparenza di Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch, le tre agenzie di rating statunitensi che si dividono il 90% del mercato del raing finanziario. La crisi del debito in Europa è alimentata da... Continua a leggere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi