Archivi per tag: Outflows

Brexit o non Brexit, il mercato teme qualcosa. E il principale indiziato ha gli occhi a mandorla

Di Mauro Bottarelli , il - 3 commenti

Riguardo all’ipotesi di Brexit, ovvero di addio da parte del Regno Unito all’Ue nel referendum del prossimo 23 giugno, si è scatenato il panico generale dei poteri forti. Dall’FMI al governatore della Bank of England, da Obama ai papaveri di Bruxelles, è un continuo mettere in guardia – al limite del terrorismo psicologico – dai rischi che una scelta tale rappresenterebbe per la stabilità sociale ed economica della Gran Bretagna, oltre che per la sua sicurezza... Continua a leggere

L’inizio della fine: fuga di capitali per 180 miliardi. Le aziende italiane scappano da bail-in e debito

Di Mauro Bottarelli , il - 55 commenti

Pare che ci sia un vaghissimo problema di fuga di capitali nel nostro Paese e i magheggi da stregone monetario di Mario Draghi potrebbero aggravarlo, ora che all’ampliamento del QE si uniranno le nuove aste di rifinanziamento. A sottolinearlo è uno studio pubblicato da “Sober Look”, il quale parte da un assunto molto semplice e innegabile: nell’eurozona i bilanci netti stanno continuando ad ampliarsi proprio per i continui flussi di capitale che dalla periferia si... Continua a leggere

L’imbonitore Draghi vuole che il parco buoi compri equities. In attesa che poi sia la Bce a farlo?

Di Mauro Bottarelli , il - 10 commenti

L’avevano promesso e l’hanno fatto. La Bce ha deciso lo stop alla produzione della banconota da 500 euro, la cui emissione verrà interrotta “intorno a fine 2018”, una decisione legata a “preoccupazioni che questa banconota possa facilitare attività illegali”. L’Eurotower ha poi reso noto che “la banconota da 500 euro manterrà sempre il suo valore e può essere cambiata presso le banche centrali dell’Eurosistema per un periodo di tempo... Continua a leggere

Milan e Inter nel mirino dei grandi gruppi cinesi. Investimento o fuga di capitali su base legale?

Di Mauro Bottarelli , il - 21 commenti

Come immagino avrete letto o sentito in televisione, Milan e Inter sono finite nel mirino di grandi gruppi industriali cinesi, interessanti ad acquisire la maggioranza dei due club (non quotati) milanesi, entrambi non finanziariamente sanissimi e con presidenze che vivono momenti turbolenti. Erik Thohir, patron nerazzurro, sta cercando un socio ma si vocifera che vorrebbe liquidare la propria posizione in toto, scelta che aprirebbe la strada all’ipotesi di ritorno di Massimo Moratti come... Continua a leggere

Fondi pensione in stile Gekko e millennials senza speranza: se l’America non è quella delle primarie

Di Mauro Bottarelli , il - 1 commento

Tutto come da pronostici. La tornata di primarie nel Nord-Est degli Usa non ha regalato sorprese, con Donald Trump che si è aggiudicato cinque Stati su cinque e praticamente tutti i delegati repubblicani, mentre Hillary Clinton ha vinto in quattro dei cinque Stati, fra cui i due principali, Pennsylvania e Maryland, lasciando a Bernie Sanders la consolazione del Rhode Island. Ma proprio ieri, il senatore del Vermont ha definito chiusa la gara con la ex first-lady, pur confermando di voler... Continua a leggere

Volevo parlarvi dei “Bowie bonds” ma il mondo sta saltando per aria e non c’è spazio per frivolezze

Di Mauro Bottarelli , il - 3 commenti

Forse non tutti sanno che David Bowie fu un innovatore non solo in campo musicale ma anche finanziario. Il musicista, morto domenica a 69 anni, infatti fu il primo a securizzare i flussi dei diritti d’autore del proprio catalogo, vendendo nel 1997 circa 55 milioni di dollari di controvalore di “Bowie Bonds” che erano legati ai guadagni futuri delle sue hits più famose. Insomma, una rivoluzione perché le securities legate alle royalties permisero agli artisti di racimolare... Continua a leggere

La Fed di Atlanta dimezza il Pil del quarto trimestre 2015 e sempre più indicatori parlano di ripresa. Per i fondelli

Di Mauro Bottarelli , il - 2 commenti

Ieri sui mercati ha fatto sensazione – e innescato crolli, insieme alla fine del divieto di vendita – il dato PMI manifatturiero cinese, il quale come ci mostra il grafico a dicembre è sceso a 48.2 dal 48.6 di novembre e dal 49.6 di un anno, mentre le attese del consensus erano per una lettura di 48.9. Ma c’è dell’altro e proprio nell’epicentro della cosiddetta ripresa economica. Se infatti il PMI del Canada si è schiantato al minimo da quando viene tracciato... Continua a leggere

Ogni indicatore sul globo terracqueo dice che alzare i tassi è folle. E il “Lehman moment” è arrivato

Di Mauro Bottarelli , il - 11 commenti

Ci siamo. Ancora due giorni e la Fed svelerà al mondo se intende alzare i tassi di un quarto di punto dopo 84 mesi a quota zero o se invece propenderà per il buonsenso e ammetterà che le condizioni economiche sono oggi allo stesso livello di quando fu costretta a lanciare i tre cicli di QE. Ma prima di addentrarci nell’ultima messe di dati macro da mani nei capelli usciti sul finire della scorsa settimana, mi sembra interessante e doveroso mettere le cose in prospettiva. Per... Continua a leggere

La Fed rischia di innescare una margin call sul dollaro, alzando i tassi. Ma forse è ciò che serve

Di Mauro Bottarelli , il - 12 commenti

Dunque, mancano otto giorni alla riunione del Comitato monetario (FOMC) della Fed chiamato a prendere la decisione più attesa dell’anno, anzi da 84 mesi di fila: alzare o meno i tassi onshore Usa di un quarto di punto. Oggi non vi tedierò con i miei soliti dati macro per dimostrare che la situazione reale dell’economia Usa è pre-recessiva, quindi anticiclica rispetto a una scelta come quella che la Yellen e soci paiono intendere attuare. Voglio fare un quadro generale a livello... Continua a leggere

Il commercio globale si è schiantato. E l’export di deflazione spiana la strada alla nuova recessione

Di Mauro Bottarelli , il - 26 commenti

Presi come siamo a cercare di capire cosa farà la Fed tra poco più di un mese, rischiamo di non renderci conto di un qualcosa che è già nei fatti: una seconda recessione globale. Partiamo da questo grafico, il quale ci mostra come l’esportazione di deflazione a livello mondiale stia proseguendo, visto che i prezzi dell’import Usa sono scesi dello 0,5% su base mensile a ottobre, la settima delusione delle aspettative da inizio anno. Ma questo secondo grafico ci dice... Continua a leggere

Qualcuno fermi il duo Abe&Kuroda prima di una Fukushima economico-finanziaria

Di Mauro Bottarelli , il - 14 commenti

“Creare un’economia forte continuerà ad essere la mia priorità maggiore”. Così il premier giapponese, Shinzo Abe, la settimana scorsa ha presentato il suo nuovo programma economico, tre nuove “frecce” per far ripartire il Paese: 20% di crescita in più, maggior tasso di fertilità e maggior sicurezza sociale, ovvero più welfare, incluse facilitazioni per chi pur lavorando si prende cura degli anziani. Insomma, nuovo debito. Ma partiamo da qui, ovvero dal... Continua a leggere

Debito e outflows, il Giappone rischia di finire come il ciccione dei Monty Python

Di Mauro Bottarelli , il - 4 commenti

Non so quanti di voi abbiano visto il film “Il senso della vita” dei Monty Python, grande gruppo comico inglese degli anni Ottanta. E’ un film a episodi, il più noto dei quali è quello dell’avventore molto sovrappeso di un ristorante che si ingozza per tutta la cena, chiedendo in ausilio secchi per “alleggerirsi” tra una portata e l’altra e a fine pasto, dopo aver mangiato una mentina per digerire, esplode. Bene, ho ripensato a questo film dopo aver... Continua a leggere

Anche a Ferragosto i flussi del mercato Usa parlano. E non dicono niente di buono

Di Mauro Bottarelli , il - 3 commenti

Ferragosto potrà forse bloccare l’Italia, tra grigliate e falò sulla spiaggia ma non chi con sempre maggiore preoccupazione sta cercando di capire cosa stia accadendo al mercato Usa, azionario e obbligazionario. Tra i più attivi – e, forse, preoccupati – al riguardo c’è JP Morgan, il cui numero uno, Jamie Dimon, ad onor del vero qualche domanda se la poneva già a inizio anno nella lettera agli azionisti, sottolineando come non bisognasse farsi ingannare dalla ratio... Continua a leggere

La Cina fra trading a schema fisso e Pil taroccato. Mentre Tokyo chiama Atene

Di Mauro Bottarelli , il - 5 commenti

Nel giorno in cui gli Stati Uniti celebravano il maggior calo delle richieste di disoccupazione dal novembre 1973, di fatto un dato che spiana potenzialmente la strada all’aumento dei tassi a settembre da parte della Fed (e Wall Street ha reagito a suo modo), è ancora la Cina a regalarci le perle maggiori. Dopo aver scoperto che la CSFC, braccio operativo sul mercato della Banca centrale (PBOC) è ora tra i 10 maggiori azionisti di svariate aziende, di fatto nazionalizzate, ecco che... Continua a leggere

Le grandi manovre cinesi sugli Usa. E un sospetto sulla bolla equity

Di Mauro Bottarelli , il - Replica

Attenzione, forse qualcosa si muove nel verso giusto nell’economia Usa. Nella fattispecie un comparto chiave, il real estate. Dopo il dato deludente del mese scorso di aprile riguardo le vendite di case già esistenti (-3,3%), come ci mostra questo grafico, nel mese di maggio è stato registrato un aumento del 5,1%, battendo le attese di un +4,4% e si è raggiunta quota 5,35 milioni, il tasso più alto di vendite dal novembre del 2009, al termine cioé del programma di salvataggio... Continua a leggere

Le banche centrali stanno sostenendo il rally artificiale delle Borse?

Di Mauro Bottarelli , il - 6 commenti

Mi sorge un dubbio e spero sia dovuto all’eccesso di pessimismo che mi contraddistingue: le Banche centrali, nella fattispecie la Bank of Japan, non staranno mica comprando equities per evitare il tonfo? Sappiamo che dall’aprile dello scorso anno l’istituto centrale nipponico è intervenuto direttamente 143 volte, acquistando ETF sul Nikkei ogniqualvolta l’indice principale di Tokyo apriva al ribasso. Di più, la stessa Fed può comprare statutariamente futures... Continua a leggere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi