Archivi per tag: rating

Non dite ai nostri cari media che, sul Russiagate, CNN sta letteralmente sprofondando nella merda

Di Mauro Bottarelli , il - 41 commenti

Nel giorno in cui WikiLeaks diffonde altri particolari su Vault 7, per l’esattezza il programma “Elsa” che permette alla CIA di localizzare un obiettivo, anche quando non è possibile piazzargli un gps in macchina o quando il target non porta con sé uno smartphone e l’Ucraina, fresca di attacco hacker come mezzo mondo, si premura di far sapere che la colpa è dei russi e che Mosca tenterà di destabilizzare anche il voto legislativo italiano, ecco che arrivano le... Continua a leggere

Lo scontro Schaeuble-Draghi sul QE nasconde la verità. E’ solo un salvataggio del mal-investment

Di Mauro Bottarelli , il - 5 commenti

E’ guerra, tutt’altro che sotterranea, tra Germania e Mario Draghi. Per l’esattezza, il conflitto è tra la “pancia” dei due partiti di centrodestra – CDU e CSU – capeggiati dal ministro delle Finanze, Wolfgang Schaeuble e il governatore della Bce. I primi attaccano le politiche espansive dell’Eurotower, soprattutto la scelta dei tassi negativi che a loro dire sta colpendo i risparmiatori tedeschi ma soprattutto la profittabilità delle potenti... Continua a leggere

Se la retorica europeista sfrutta il terrore per coprire i suoi fallimenti. E la fine che ci attende

Di Mauro Bottarelli , il - 29 commenti

Non so voi ma mi ha fatto impressione il modo in cui tutti i mezzi di informazione italiani, televisioni in testa, hanno trattato la vicenda delle sette studentesse morte in un incidente stradale in Spagna. Persino Enrico Mentana, uno che dal suo tg ha statutariamente (e giustamente, visto che altri tg sembrano “Chi l’ha visto” o la D’Urso) eliminato la cronaca, ha dedicato i primi 17 minuti (su 30 totali) del telegiornale di lunedì sera al fatto. Di più, Bruno Vespa... Continua a leggere

Negli Usa il fumo fa bene all’obbligazionario e le armi non sono un problema. I carcerati, invece…

Di Mauro Bottarelli , il - 31 commenti

Siete anche voi della vulgata di quelli che pensano che la legislazione statunitense sull’acquisto, la detenzione e l’uso delle armi da fuoco sia un incentivo al loro utilizzo indiscriminato e quindi la principale ragione dell’alto tasso di omicidi? Bene, se è così, date un’occhiata a queste cifre e non fatevi abbindolare dai soloni del buonismo peloso alla Michael Moore. Stando a dati del Pew Research Center della scorsa settimana il tasso di omicidi negli Usa è... Continua a leggere

Il sogno del Brasile si sta tramutando in incubo. E il peggio potrebbe essere alle porte

Di Mauro Bottarelli , il - 35 commenti

Ci sono molte metriche che ci parlano dello stato di salute di un’economia meglio del Pil o degli indici di Borsa. Ad esempio questa, dimostrazione plastica di come, quando una moneta fiat va in crisi, la gente sa dove correre per cercare riparo, nonostante per la grande stampa basti stampare moneta per risolvere tutti i guai. E le quotazioni dell’oro in real brasiliani, parlano chiaro. Oppure quest’altra, la quale ci mostra plasticamente come il Brasile stia vendendo... Continua a leggere

In attesa della Fed, fate ciao ciao al Giappone

Di Mauro Bottarelli , il - 25 commenti

Unicorni per tutti! Stamattina, con gli occhi del mondo puntati sulla Fed, è il Giappone a regalarci soddisfazioni enormi. Ecco a voi gli ultimi dati macro relativi al commercio: export ad agosto in crescita del 3,1% annualizzato contro le stime del 4,3%, importazioni giù del 3,1% contro attese del -2,5% e il deficit a 569,7 miliardi di yen contro le aspettative di 540,0. Insomma, letture ai minimi da sei mesi e tutte al di sotto delle stime. Risultato in Borsa? Il NIkkei ha chiuso a +1,43%... Continua a leggere

BBB- l’Italia sull’orlo dell’abisso

Di Ticino Live , il - 2 commenti

«Forte aumento del debito, accompagnato da una crescita perennemente debole e bassa competitività». Questo il giudizio spietato di Standard & Poor’s sullo stato dell’economia italiana. Ne consegue un rating da choc: BBB-, a un passo dall’abissale “junk”, cioè spazzatura, paese in bancarotta. L’agenzia americana aveva sospeso il giudizio lo scorso giugno per permettere al governo Renzi, allora insediato da soli due mesi, di avviare le riforme nella... Continua a leggere

Stati Uniti. Moody’s in stato d’allerta per sei colossi bancari

Di Ticino Live , il - 2 commenti

L’agenzia di rating Moody’s ha lanciato l’allarme sulle sei principali banche americane, minacciando un downgrade sulla loro valutazione. Il motivo: se i colossi di Wall Street, in futuro, dovessero presentare problemi, il governo americano sarebbe meno propenso, rispetto al passato, a salvarle. Sotto osservazione dunque Goldman Sachs, JP Morgan, Wells Fargo, Morgan Stanley, Bank of America e Citigroup. Riguardo alle ultime due, Moody’s ha parlato di “direzione... Continua a leggere

IL RATING SPIEGATO A PIERINO…

Di JLS , il - 1 commento

Papà, che cos’è il RATINGHE ? Pierino dai, quante volte te lo devo spiegare ? Ricordi il concetto di FUTTING ? si papà, è il verbo che uso per rubare le figurine ad Arnaldo, lo scemo della classe. Ecco, Pierino : il RATING rassomiglia da vicino al FUTTING. Corrisponde più o meno all’idea che : se ARNALDO non è lo scemo della classe e te le suona la prima volta che tenti di rubargli le figurine, a te darebbero un Rating basso perchè non sei stato capace di fare il FUTTING al... Continua a leggere

Tic Tac, Tic Tac… Fitch declassa il rating Argentino a un solo Notch dal Default

Di Mauro Bottarelli , il - 13 commenti

Tic tac, tic tac… No, non si tratta di caramelle ma del conto alla rovescia che è cominciato per l’Argentina. Fitch ha infatti tagliato il rating di lungo termine di Buenos Aires da B a CC, cinque gradini di downgrade e abbassato quello di breve termine a C da B, un solo notch dal default. A pesare, ovviamente, la sentenza del Tribunale distrettuale di Manhattan che ha obbligato l’Argentina a pagare entro il 15 dicembre un miliardo e 300 milioni di dollari dovuti agli hedge... Continua a leggere

Ma l’Economist e Moody’s Esagerano (pro domo Usa-Uk) o la Francia è Davvero pronta a fare boom?

Di Mauro Bottarelli , il - 1 commento

Ma l’Economist ha ragione a parlare della Francia come della bomba a tempo innescata nel cuore di un’Europa già alle prese con le varie crisi sovrane e Moody’s ha fatto bene a declassare il rating di Parigi – con tanto di outlook negativo – oppure è l’ennesima esagerazione ad orologeria della stampa anglosassone e delle tre sorelle del downgrade ad orologeria? Qualche numero. Da quando Francois Hollande è al potere, sembra che Oltralpe la giustizia sociale... Continua a leggere

Rating. L’esclusivo Club degli Stati AAA

Di Ticino Live , il - 1 commento

Alla fine di gennaio erano 14 le nazioni che potevano vantarsi del rating AAA, la tripla A che indica la massima solidità finanziaria e un debito sovrano lontano da ogni timore: Svizzera, Australia, Canada, Danimarca, Finlandia, Germania, Hong Kong, Liechtenstein, Lussemburgo, Olanda, Norvegia, Gran Bretagna, Singapore e Svezia. Assenze che balzano all’occhio sono quelle di Stati Uniti e Francia (quest’ultima ha perso la tripla A proprio all’inizio di gennaio). Come accade il processo... Continua a leggere

I nomi delle banche colpite da Moody’s. Vi sono anche UBS e Credit Suisse

Di Ticino Live , il - Replica

Sono 15, e non 17 come preannunciato ieri, le banche declassate giovedì sera dall’agenzia di rating Moody’s. Fra queste vi sono anche UBS e Credit Suisse. Gli istituti giudicati più severamente dall’agenzia sono le statunitensi Bank of America e Citigroup, le cui note sono state portate a livello Baa2 (qualità medio-bassa), solo due livelli sopra la categoria di speculazione. Per Credit Suisse l’agenzia ha abbassato la nota da Aa1 a A1 (qualità media), mentre UBS è stata... Continua a leggere

L’agenzia di rating Moody’s prepara il downgrade di 17 colossi bancari

Di Ticino Live , il - Replica

Dopo il downgrade del 7 giugno di ben otto banche germaniche, l’agenzia di rating Moody’s taglia la nota sulla qualità del credito di altre 17 grandi banche internazionali, tra cui BNP Parisbas, Société Générale, Lloyds Banking Group, Barclays, HSBC, Royal Bank of Scotland e JP Morgan Chase. La notizia è stata data dall’emittente televisiva britannica Sky News. Moody’s annuncerà i dettagli del downgrade giovedì sera, alla chiusura di Wall Street. L’agenzia... Continua a leggere

Ridimensioniamo le agenzie di rating o mettiamole fuorilegge. Fanno solo “terrorismo” finanziario

Di Il Jester , il - Replica

Le agenzie di rating sono quelle agenzie che hanno il compito di giudicare la capacità di solvenza degli Stati e delle grosse aziende. In generale, per quanto riguarda il debito degli Stati, la capacità di questi di ripagare i debiti contratti. Hanno un’origine nobile, poiché sono il frutto degli ideali di alcuni economisti/aziendalisti (in particolare Poor e Moody), che sognavano la trasparenza finanziaria e contabile delle aziende. Il problema grosso di queste agenzie — tutte... Continua a leggere

La malafede delle Tre Parche

Di Johnny88 , il - 2 commenti

    Dunque, il mio ultimo post ha generato un vespaio di critiche. Alcuni reagivano preoccupati all’ultimatum, ultimatum che era una evidente provocazione. Mi sembrava fosse chiaro che il tono era quello di una pura provocazione, evidentemente non lo era e allora lo specifico qui l’ultimatum era una provocazione. Altre critiche invece derivavano da una mia presunta indulgenza nei confronti dei governanti e dei politici. Ora, io non ho la benché minima intenzione di... Continua a leggere

Punto di Svolta (aka Le Agenzie di Rating U.S.A., Finalmente, Non contano Più un Cazzo)

Di FunnyKing , il - 9 commenti

Perdonate il titolo greve ma quando ci vuole ci vuole. Qualcuno si ricorda che l’altroieri Moody’s ha declassato l’Italia non di 1 ma di ben 3 scalini (notch, per usare il gergo di questi soloni), cioè da Aa2 a A2? No infatti perchè si da il caso che il mercato se ne stia altamente catafottendo e lo spread Italico-Germanico pian piano torna indietro. Pare quindi che lo sforzo (ormai minimo) della BCE e  questa breve parentesi di ottimismo cosmico generato dal Finacial Times... Continua a leggere

Etichette:

S&P manifesta la sua solidarietà alle vittime di Christchurch…

Di Johnny88 , il - 4 commenti

Nel mese di febbraio un terribile terremoto ha devastato la città di Christchurch in Nuova Zelanda. Il terremoto ha causato 181 vittime e ingentissimi danni economici. Ora, provate a dire come quei simpaticoni di S&P hanno dimostrato la loro solidarietà ai neozelandesi per la faccenda. S&P ha manifestato la propria empatia e solidarietà ai neozelandesi, alle vittime e alle numerose famiglie che in quel terremoto han perso tutto, declassando il rating della Nuova Zelanda con... Continua a leggere

La “Promozione” Di Fitch E’ Interessata?

Di Johnny88 , il - 3 commenti

La scure di due delle tre Gorgoni della finanza internazionale si è abbattuta sull’Italia dando  il via alla speculazione internazionale sul nostro paese. Standard & Poors ha declassato l’Italia, mentre Moody’s ha messo sotto osservazione alcune delle principali aziende e banche del nostro paese. Tra le tre Parche v’è però un dissidente, questo dissidente è “Fitch”. “Fitch” non solo non ha declassato l’Italia, ma anzi ha promosso a... Continua a leggere

Etichette: ,

L’ Agenzia Cinese Dagong Ha Fatto Una Valutazione: “Il debito Usa è spazzatura”

Di FunnyKing , il - 1 commento

Il 27 giugno del 2010, il presidente cinese Hu Jintao durante la riunione del G20 a Toronto, dichiarò che era necessario riformare il sistema di qualificazione del debito pubblico, sistema incentrato su tre agenzie di rating, tutte statunitensi. Hu Jintao parlò della necessità di arrivare ad un nuovo sistema di qualificazione del debito pubblico più giusto e che riflettesse pienamente la situazione economica del paese. Oggi, praticamente ad un anno di distanza da quella dichiarazione,... Continua a leggere

Etichette: , ,

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi