Archivi per tag: Riserva Frazionaria

Inflazione contro deflazione: finanze pubbliche

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di Alasdair Macleod C’è una convinzione generale secondo cui le finanze statali vanno meglio in un contesto inflazionistico piuttosto che in uno deflazionistico. Questa percezione deriva dal trasferimento di ricchezza dai creditori allo stato attraverso una svalutazione della moneta, che si verifica con l’inflazione monetaria, rispetto al trasferimento della ricchezza dallo stato ai suoi creditori attraverso la deflazione. L’effetto è indubbiamente vero, anche se è... Continua a leggere

Accogliete a braccia aperte la deflazione

di Alasdair Macleod Ci sono due problemi con la comprensione della deflazione: è mal definita e ha una brutta nomea. Questo articolo mira a porre la deflazione nel suo giusto contesto. Questo è un argomento importante per i sostenitori dell’oro come denaro, i quali saranno consapevoli del fatto che il denaro sonante, in teoria, porta a prezzi più bassi nel tempo e tale viene spesso criticato come obiettivo, perché non rappresenta uno stimolo inflazionistico. La definizione più... Continua a leggere

È un calo dell’offerta di denaro la causa delle recessioni?

di Frank Shostak Nei suoi scritti Milton Friedman incolpava le politiche della banca centrale per aver causato la Grande Depressione. Secondo Friedman, la Federal Reserve non riuscì a pompare abbastanza riserve nel sistema bancario per evitare un collasso della massa monetaria (vedi Free to Choose). In risposta a questo fallimento, Friedman disse che la massa monetaria M1, che ammontava a $28.264 miliardi nell’ottobre 1929, scese a $19,039 miliardi nell’aprile 1933 – un calo di... Continua a leggere

La Federal Reserve è pronta a restringere il proprio bilancio… ma anche no

Di Francesco Simoncelli , il - 28 commenti

di Francesco Simoncelli Non fatevi raggirare. Negli Stati Uniti esiste un detto che vale molto più di una spiegazione dettagliata dell’attuale stato delle cose: Put your money where yuor mouth is. Ovvero, fai seguire i fatti alle parole. Nel caso nostro è decisamente più calzante la versione americana, perché, oltre a parlare di economia, parleremo anche della FED. In particolar modo, della “grande notizia” emersa durante l’ultima riunione della Federal Resereve:... Continua a leggere

Qual è il ritmo di crescita “giusto” dell’offerta di moneta?

Di Francesco Simoncelli , il - 2 commenti

di Frank Shostak La maggior parte degli economisti crede che un’economia in crescita richieda un aumento dello stock di denaro: secondo loro la crescita genera una maggiore domanda di denaro. In mancanza di ciò, ci sarà un calo dei prezzi dei beni e dei servizi, cosa che a sua volta destabilizzerà l’economia e porterà ad una recessione economica o, ancor peggio, alla depressione. Poiché la crescita dell’offerta di moneta è talmente importante, non sorprende che gli... Continua a leggere

Banche centrali e creazione di denaro: c’è una qualche connessione?

di Frank Shostak Secondo la teoria economica tradizionale, il sistema monetario amplifica le iniezioni monetarie iniziali: se la banca centrale inietta $1 miliardo nell’economia e le banche devono tenere il 10% in riserva rispetto ai loro depositi, ciò significherà che la prima banca presterà il 90% di suddetto miliardo. I $900 milioni, a loro volta, finiranno in una seconda banca di cui ne presterà il 90%. Gli $810 milioni finiranno in una terza banca che a sua volta ne presterà il... Continua a leggere

Bolla immobiliare, nuovo round

di Francesco Simoncelli Questa è una storia che abbiamo già visto. La cosa sorprendete è che continua ad accadere senza che la maggior parte delle persone se ne accorga. Peggio, la maggior parte delle persone pensa che sia fisiologico. Non lo è. È per questo motivo che sono tornati a considerare le loro case come un bancomat. L’euforia pre-2008 nel settore immobiliare ha portato le famiglie americane ad accendere ipoteche in sequenze sulle case di proprietà e spendere i... Continua a leggere

Smascherare i trucchi da salotto dei pianificatori monetari centrali

di Francesco Simoncelli È praticamente sulla bocca della maggior parte dei commentatori economici: la FED sta rialzando i tassi d’interesse di riferimento. Non solo, ma si suppone che continuerà su questa strada anche durante le prossime riunioni del FOMC. Secondo i parametri statistici che la Yellen pare tenere più in considerazione, l’economia degli Stati Uniti sta raggiungendo lentamente e costantemente il nirvana keynesiano della piena occupazione e dell’inflazione al... Continua a leggere

Perché la riserva frazionaria sarebbe limitata in un libero mercato

di Frank Shostak Il cosiddetto moltiplicatore è il risultato di banche che sono legalmente autorizzate ad utilizzare il denaro presso di loro depositato. Le banche trattano questo tipo di denaro come se fosse stato prestato loro, quindi lo riprestano a loro volta consentendo allo stesso tempo ai depositanti di spendere i soldi depositati. Per esempio, se John colloca $100 in un deposito a vista presso la Banca Uno, egli non abbandona il suo diritto a ritirare i $100. Ha disponibilità senza... Continua a leggere

Creazione di denaro e ciclo boom/bust

di Frank Shostak Nei suoi vari scritti, Murray Rothbard ha sostenuto che in un’economia di libero mercato, avente un gold standard, la creazione del credito non coperto dall’oro (riserva frazionaria) fa emergere la minaccia del ciclo boom/bust. Nel suo The Case for 100 Percent Gold Dollar, Rothbard scrisse: Pertanto sostengo che il sistema monetario più sano e l’unico pienamente compatibile con il libero mercato e con l’assenza di forza o frode, è un gold standard al... Continua a leggere

Ciclo economico e vulnerabilità sistemiche

di Francesco Simoncelli Un lettore del blog, in un messaggio privato qualche giorno addietro, ha praticamente messo il dito nella piaga quando chiedeva delucidazioni sul problema dei prestiti non performanti all’interno dell’ambiente economico moderno. In un articolo precedente mostravo come essi fossero un grosso problema per Popolari di Bari, ad esempio. Ma questo era solamente un modo per presentare ai lettori come la grana dei prestiti non performanti (NPL) sia uno dei problemi... Continua a leggere

Esistono due forme di credito — Una conduce al ciclo boom⁄bust

di Frank Shostak Nella fase di bust di un ciclo economico, le imprese che erano fiorenti cominciano ad avere difficoltà o andare in bancarotta. Ciò non accade a causa di errori imprenditoriali specifici, ma in tandem con interi settori dell’economia. Le persone che erano ricche ieri, diventano povere oggi. Le fabbriche che erano impegnate ieri, chiudono oggi; e gli operai vengono licenziati. Gli imprenditori stessi sono confusi sul motivo per cui accade tutto ciò. Non riescono a dare... Continua a leggere

La “trinità rischiosa”

di James Rickards Gli osservatori si concentrano sulle azioni dei mercati e sui comunicati della FED, senza fermarsi a riflettere su ciò che sta realmente accadendo. Nel frattempo le tendenze a lungo termine persistono e non vanno via solo perché tutti nel mercato sembrano distratti. L’impatto di queste tendenze non si lascerà attendere. Il risultato a breve termine sarà uno tsunami finanziario che travolgerà i mercati, mentre gli investitori sono addormentati sulla spiaggia e non... Continua a leggere

Cosa vuol dire essere un membro del FOMC

Di Francesco Simoncelli , il - 3 commenti

di Alasdair Macleod È facile criticare la FED per i suoi fallimenti, visto che il suo unico successo è stato quello di calciare il barattolo lungo la strada. Ma dovremmo anche pensare alle difficoltà che ora devono affrontare i policymaker. Cosa fareste se voi foste un membro del FOMC? Calciare il barattolo lungo la strada è stata una strategia che finora ha funzionato, ma le condizioni economiche stanno cambiando, lanciando nuove sfide. Il grafico qui sotto espone l’unico problema... Continua a leggere

Sulla scia di una perdita di fiducia: potenziali inneschi

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di Francesco Simoncelli Come ripeto spesso le corse agli sportelli sono molto più sofisticate delle antiche file davanti le banche. Oggi è tutta una questione di titoli non rinnovati e margin call. L’interventismo delle banche centrali, al fine di stabilizzare le onde d’urto delle crisi economiche, non ha fatto altro che metastatizzare gli errori economici che non sono stati corretti nelle precedenti occasioni. L’ambiente economico, quindi, è diventato una bisca... Continua a leggere

La chimera di una moneta “stabile”

Di Francesco Simoncelli , il - 7 commenti

di Frank Hollenbeck Sin dal XIX secolo, gli economisti hanno sempre predicato che il valore del denaro, o il suo potere d’acquisto, doveva essere stabile o relativamente stabile. David Ricardo, nel 1817, disse: “Una moneta, per essere perfetta, deve essere assolutamente invariabile nel valore.” Secondo questo punto di vista, il denaro come unità di conto deve essere equivalente ad un metro di misura, una distanza immutabile. Nel corso dell’ultimo secolo, questa visione... Continua a leggere

La chimera di una moneta “stabile”

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di Frank Hollenbeck Sin dal XIX secolo, gli economisti hanno sempre predicato che il valore del denaro, o il suo potere d’acquisto, doveva essere stabile o relativamente stabile. David Ricardo, nel 1817, disse: “Una moneta, per essere perfetta, deve essere assolutamente invariabile nel valore.” Secondo questo punto di vista, il denaro come unità di conto deve essere equivalente ad un metro di misura, una distanza immutabile. Nel corso dell’ultimo secolo, questa visione... Continua a leggere

I pazienti zero dell’esperimento monetario centrale: Argentina e Giappone

Di Francesco Simoncelli , il - 3 commenti

p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { } di Francesco Simoncelli Alla fine ci siamo arrivati. Inizia a sgretolarsi quel muro di certezze che granitico aveva sorretto le illusioni che i pianificatori monetari centrali avevano elargito alla massa. Eccoci, quindi, a discutere di come una banca potrebbe far cadere il domino di mattoncini che sin dal 2008 erano stati eretti attraverso le politiche monetarie straordinarie, strategia applaudita dalla maggior parte dei commentatori economici. Eppure... Continua a leggere

La crisi bancaria tedesca accelera

di Gary North Credo che ci sarà un piano di salvataggio statale per Deutsche Bank quest’anno. Anche Commerzbank potrebbe versare in cattive condizioni. Le sue azioni stanno scendendo di valore. Se il governo tedesco dovrà intervenire, allora i depositanti europei si chiederanno: quali banche sono sicure? Possono depositare euro nelle banche delle altre nazioni della zona Euro. Ma quali banche? Quali nazioni? La Germania è sempre stata la migliore scelta. Alcuni hedge fund stanno... Continua a leggere

Riforma monetaria: mercato contro coercizione

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di Gary North Remnant Review Che cos’è il denaro fiat? Viene da “fiat”, che significa per autorizzazione formale o per proposizione oppure per decreto. Sinonimi sono: editto, ordine, comando, comandamento, ingiunzione, proclamazione, mandato, dictum, diktat. È un ordine arbitrario. La frase “fiat lux” deriva dalla Genesi 1:2: “Sia la luce”. Il denaro fiat è denaro emesso da uno stato. Si basa sul presupposto del diritto divino: non c’è nulla... Continua a leggere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi