Archivi per tag: spesa pubblica

Ecco i grandi spendaccioni e il bagno di sangue fiscale che li attende

di David Stockman Donald Trump è un presidente che ha l’aspirazione di far tornare grande l’America, ma senza una parvenza di programma politico che possa raggiungere tale obiettivo. E nessuna prospettiva che le classi dirigenti gli permetteranno di governare. In realtà, lo contrasteranno ad ogni turno — più che evidente dalla campagna isterica sugli hacker russi che è stata condotta contro Donald Trump durante le ultime settimane della campagna elettorale, e poi con... Continua a leggere

La gigantesca bolla di Donald Trump è prossima allo scoppio

di David Stockman Ci sono state numerose eruzioni di esuberanza irrazionale da quando Alan Greenspan ha lanciato l’era moderna della pianificazione monetaria centrale in risposta al crollo del mercato azionario nell’ottobre 1987. Ma la presunta reflazione partorita dopo l’elezione di Trump, è quella che le batte tutte. Questo perché Donald Trump è destinato ad essere il Grande Sfasciatore della storia — non il presunto salvatore dell’attuale sistema finanziario e... Continua a leggere

La Trumponomics collasserà sotto una montagna di debiti

Di Francesco Simoncelli , il - 67 commenti

di David Stockman I mercati finanziari si stanno dirigendo verso una tempesta perfetta: fallimento delle banche centrali, carneficina nel mercato obbligazionario, una recessione mondiale ed un bagno di sangue fiscale a Washington. Gli investitori dovrebbero correre a tutta velocità verso le uscite. Ciò che fermerà la Trumponomics sarà il debito — circa $64,000 miliardi. Questo è ciò che sta schiacciando l’economia americana, e fino a quando la meccanica della sua crescita... Continua a leggere

Keynes avrebbe amato il piano economico di Trump

Di Francesco Simoncelli , il - 21 commenti

di Frank Shostak Il piano di Trump è quello che Keynes avrebbe prescritto! La maggior parte dei commentatori economici, come il premio Nobel Paul Krugman, dovrebbero essere felici per il piano economico del neo-presidente eletto Donald Trump, poiché esso sarà in sintonia con le teorie keynesiane. Una delle promesse di Trump è quella di un massiccio programma di spese per infrastrutture. Secondo Trump: Aggiusteremo i nostri centri cittadini e ricostruiremo le nostre autostrade, i nostri... Continua a leggere

Wall Street sta chiamando le pecore al macello… di nuovo

Di Francesco Simoncelli , il - 10 commenti

di David Stockman Per la prima volta sin dagli anni ’30 ci sarà un crollo per Wall Street ed una recessione per Main Street, ma la Città Imperiale sarà incapace di porre rimedio ad entrambe le faccende. Ecco perché la storia finanziaria non è circolare; è cumulativa e verranno fatti a pezzi tutti gli artifici fiscali e monetari, gli espedienti e le frodi che sono stati implementati dallo stato per mantenere viva un’illusione di prosperità e prezzi degli asset finanziari... Continua a leggere

Cicli del credito e l’oro

Di Francesco Simoncelli , il - 3 commenti

di Alasdair Macleod Lo shock per l’elezione di Trump ha prodotto reazioni inattese sui mercati, in parte spiegate da investitori che hanno acquistato titoli azionari e dollari e che hanno venduto altre valute e oro. Questo perché il presidente Trump ha dichiarato che realizzerà investimenti in infrastrutture ed alleggerirà le politiche fiscali. Se perseguirà questo piano, ciò significherà deficit di bilancio più grandi e tassi d’interesse più elevati. L’aspetto... Continua a leggere

Come i deficit statali ci impoveriscono

Di Francesco Simoncelli , il - 69 commenti

di Frank Shostak Secondo alcuni commentatori il deficit di bilancio degli Stati Uniti resta ancora un grave problema economico, nonostante il tema attiri meno attenzioni rispetto al passato. Il bilancio del governo federale ha registrato un attivo di $33.4 miliardi a settembre 2016 rispetto ad un attivo di $90.9 miliardi a settembre del 2015. La media mobile a 12 mesi del bilancio del governo federale si è attestata ad un passivo di $49 miliardi a settembre 2016 rispetto ad un passivo di... Continua a leggere

Ponti d’oro per i (falsi) profughi ma nemmeno la presenza per ricordare quelli di Istria e Dalmazia

Di Mauro Bottarelli , il - 98 commenti

Domani è il “Giorno del ricordo”, ovvero la giornata dedicata alle vittime delle foibe e agli esuli di Istria e Dalmazia. Non preoccupatevi se non lo sapevate o se non lo avevate percepito dalle programmazioni televisive: queste sono vittime di serie B, non meritano pubblicità. Né rispetto. Anzi, per alcuni le foibe sono qualcosa da celebrare, la vendetta contro il fascismo, quasi una benefica purga per la coscienza del Paese. A confermare questa triste realtà è il fatto che... Continua a leggere

Bonificare la palude 2.0: Trump & Reagan

Di Francesco Simoncelli , il - 44 commenti

di David Stockman C’è una certa rabbia per l’idea che Donald Trump possa essere un degno successore di Ronald Reagan e quindi innescare un boom economico nel mercato azionario. Infatti ci sono ancora in giro supply-sider, come Stephen Moore, che insistono sul fatto che la cosiddetta Trumpenomics innescherà un boom ed una crescita economica. Possiamo aspettarci che i venditori ambulanti di azioni a Wall Street credano stupidamente ad una prospettiva così fantasiosa, ma è... Continua a leggere

Il rally nell’azionario guidato da Trump: la più grande occasione di sempre per posizionarsi short

Di Francesco Simoncelli , il - 27 commenti

di David Stockman Il rally nell’azionario guidato da Trump si dimostrerà quello che è sempre stato: una bolla di sapone. Si basa solamente sul passaggio da una politica ad un’altra ed è sgusciato fuori dalle sale di Wall Street nella notte dell’ultima tornata elettorale. Dopo tutto, quale modo migliore per portare gli agnelli al macello se non quello d’invertire il mercato con un aumento di più di 1,000 punti del Dow Jones poche ore dopo la scioccante elezione di... Continua a leggere

Solo gli idioti potevano credere ad una reflazione guidata da Trump

Di Francesco Simoncelli , il - 18 commenti

di David Stockman Se avevate bisogno dell’ennesima prova che le banche centrali del mondo hanno distrutto una determinazione onesta dei prezzi nei mercati finanziari, questi ultimi giorni ve l’hanno fornita. Il sell-off di quasi $2,000 miliardi nei mercati obbligazionari globali era giustificato, ma è accaduto per le ragioni sbagliate, mentre l’aumento di 600 punti dell’indice Dow conferisce al termine stupido tutta una nuova accezione. Invece i venditori ambulanti di... Continua a leggere

Lo scopo della guerra non è quello di vincerla

Di Francesco Simoncelli , il - 6 commenti

di Bill Bonner È una bellissima giornata qui in Irlanda. Una buona giornata per l’inaugurazione della nostra nuova sede all’estero – un palazzo in stile classico che è stato costruito da una famiglia locale di commercianti nel 1860. Più tardi daremo un breve discorso, ringraziando tutti gli interessati… berremo un paio di bicchieri di vino… sperando di non aver commesso un grosso errore. Abbiamo investito – pesantemente – nel palazzo, dove avremo ben 200... Continua a leggere

Stimolo fiscale: solo una scusa per uno stato più grande

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di David Stockman Tra il 1870 e il 1913 il PIL reale degli Stati Uniti — al meglio delle nostre stime — è salito da $20 miliardi a $131 miliardi ($1958). L’aumento composto del 4.3% annuo in 43 anni rappresenta la crescita più alta del PIL reale per un periodo equivalente di tempo. Ma ecco la meraviglia… Durante quel periodo d’oro di crescita e prosperità, gli Stati Uniti non avevano alcuna banca centrale e non hanno avuto nemmeno un episodio di stimolo fiscale! Se si... Continua a leggere

da Nord a Sud….

Di JLS , il - 89 commenti

Qualche giorno fa sono transitato per una stazione ferroviaria ed ho fatto scalo in un aeroporto del Sud Italia. Sono rimasto ad osservare l’umanità che popolava quei due luoghi di viaggio e di transito. Chi atterra da queste parti sa che le palme sono la decorazione d’ordinanza. Oggi le palme ondeggiavano paurosamente, sbattute dalla forza del vento gelido che sibilava sulla pista. In questo formidabile aeroporto, dove l’aeromobile, raggiunta la piazzola di sosta, dista 50... Continua a leggere

Perché la Legge di Say è sempre vera

Di Francesco Simoncelli , il - 15 commenti

di Alasdair Macleod Uno dei miei lettori abituali ha sollevato il tema importante riguardo la Legge di Say, concetto che monetaristi e keynesiani amano negare. Devono etichettare come falso questo assioma fondamentale per giustificare lo stimolo della domanda aggregata da parte dello stato. O la Legge di Say è giusta e l’intervento dello stato è economicamente distruttivo, o se è sbagliata allora gli economisti moderni hanno ragione ad ignorarla. La base teorica dei post-keynesiani... Continua a leggere

Perché a questo giro lo stimolo fiscale non si concretizzerà

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di David Stockman È praticamente una certezza che siamo in prossimità di un’altra recessione. Ma ciò che è veramente sorprendente, è che il mercato non sta dando alcun peso al fatto che la situazione fiscale della nazione sta finendo molto rapidamente all’inferno. E che non vi è praticamente alcuna prospettiva di un altro massiccio stimolo shovel-ready, come il piano di Obama da $800 miliardi. I segni premonitori della paralisi fiscale imminente sono evidenti: il deficit di... Continua a leggere

La battaglia disperata della FED contro la stagnazione

Di Francesco Simoncelli , il - 2 commenti

di James Rickards Quando si parla di “Giorno dell’Indipendenza” alla maggior parte degli americani, essi pensano al quattro di luglio. Ciò non vale per la Federal Reserve. Per quest’ultima il “Giorno dell’Indipendenza” è il quattro di marzo. Ed è possibile che il 4 marzo scorso potrebbe essere stato l’ultimo “Giorno dell’Indipendenza” della FED! Perché il quattro di marzo? Il 4 marzo 1951 la Federal Reserve raggiunse un... Continua a leggere

Spesa per infrastrutture ed elicottero monetario: due pessime idee

Di Francesco Simoncelli , il - 4 commenti

di David Stockman La chiave per ripristinare la prosperità di Main Street non passa per un finanziamento delle infrastrutture, come invece continuano a sostenere i banditi della Beltway. Ciò si tradurrà in uno spreco di capitale, cattivi investimenti, ridotta efficienza economica ed un settore pubblico nettamente più ingombrante. La banca da tenere d’occhio, infatti, è la banca centrale della nazione. Fin a quando la massiccia intrusione della FED nei mercati finanziari non viene... Continua a leggere

Spesa per infrastrutture ed elicottero monetario: due pessime idee

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di David Stockman La chiave per ripristinare la prosperità di Main Street non passa per un finanziamento delle infrastrutture, come invece continuano a sostenere i banditi della Beltway. Ciò si tradurrà in uno spreco di capitale, cattivi investimenti, ridotta efficienza economica ed un settore pubblico nettamente più ingombrante. La banca da tenere d’occhio, infatti, è la banca centrale della nazione. Fin a quando la massiccia intrusione della FED nei mercati finanziari non viene... Continua a leggere

Come volevasi dimostrare, i primi 100 giorni di Trump sono da Ciriaco De Mita. O da utile idiota

Di Mauro Bottarelli , il - 64 commenti

Come volevasi dimostrare, Donald Trump non è altro che la faccia politicamente scorretta che l’establishment ha messo al timone pro-tempore per evitare che la rabbia popolare tracimasse e si passasse dalle parole ai forconi dei granai del Wyoming. Tra mille parole e mille indiscrezione, quattro sono le certezze, due delle quali in aperto contrasto a quanto detto e ripetuto come un mantra in campagna elettorale. Primo, nei piani per i primi 100 giorni di governo, il muro con il Messico... Continua a leggere

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi