Archivi per tag: Stato islamico

Missili iraniani contro i ribelli in Siria, mentre gli USA abbattono un jet di Assad. Pop corn per tutti

Di Mauro Bottarelli , il - 110 commenti

Potrebbe essere soltanto una dimostrazione muscolare. O, forse, qualcosa di decisamente più serio e da cui potrebbe essere difficile tornare indietro. Poco fa i Guardiani della rivoluzione iraniani hanno comunicato di aver sparato due missili balistici a medio raggio contro obiettivi ribelli siriani nella zona di Deir ez-Zor, l’enclave leale al governo di Damasco sotto accerchiamento di Isis e altre formazioni terroristiche, come reazione al recente attentato rivendicato dallo Stato... Continua a leggere

Scusi Mentana, il fosforo bianco usato dagli USA a Raqqa e Mosul è forse un toccasana per l’acne?

Di Mauro Bottarelli , il - 99 commenti

Avete per caso notizie della presa di posizione di Amnesty International per la grave repressione del diritto a manifestare andata in scena stamattina al Senato a danno dei militanti di CasaPound, colpiti con manganellate e idranti dalla polizia? Sarà questione di minuti, ne sono certo. Quelli di Amnesty sono gente seria, per loro i diritti umani sono sacri e devono valere per tutti: che tu insceni una protesta contro il governo Putin per conto di filantropi-golpisti e governi esteri o che tu... Continua a leggere

L’Isis è l’abito blu della destabilizzazione globale. Va su tutto, copre tutto. E se si sciupa, lo butti via

Di Mauro Bottarelli , il - 39 commenti

Io direi che ormai i tempi siano maturi per un bel coming out: il Re è nudo, perché prolungare l’agonia? Perché continuare ancora a spacciare l’Isis per ciò che non è? Il cosiddetto Stato islamico o Daesh o Califfato che dir si voglia, altro non è che l’abito blu che ogni uomo ha nell’armadio e che toglie dall’imbarazzo quando non si sa cosa mettere per un certo appuntamento. Va su tutto, è sempre elegante, copre i difetti che magari un altro accostamento... Continua a leggere

Critichi gli sbarchi? Equivali a un terrorista. L’UE vara la censura web e prepara la guerra a Mosca

Di Mauro Bottarelli , il - 215 commenti

Tira brutta aria. Ogni giorno di più. E la cosa più impressionante è che comincia a intravedersi chiara la regia del piano che ci sta portando, sempre meno lentamente, verso un confronto diretto con la Russia. Per mesi e mesi, i media mainstream e i governi hanno usato l’arma della post-verità per criminalizzare e marginalizzare qualsiasi narrativa della realtà che differisse dalla loro versione: bene, la post-verità è diventata verità. L’Isis ha taciuto per mesi, nessun... Continua a leggere

I libici come Sherlock Holmes, la NATO in campo contro l’Isis: Manchester è la nuova Pearl Harbor?

Di Mauro Bottarelli , il - 58 commenti

Alla fine, è facile. Ce l’abbiamo davanti agli occhi la realtà delle cose, basta unire i puntini. Il problema è che qualcuno, pur dovendo ammetterla la realtà, fa di tutto affinché ci comportiamo come chi ha cominciato il gioco che ho usato come immagine di copertina: farci sbagliare, mischiando gli addendi di un’operazione che non è mai a somma zero per il potere. Questa è un’agenzia ANSA di ieri alla 19.48, potete trovarla facilmente attraverso i motori di ricerca:... Continua a leggere

Gli Usa uccidono il numero 2 dell’Isis per la terza volta in due anni. E in Iraq, boots on the ground

Di Mauro Bottarelli , il - 15 commenti

Il capo del Pentagono, Ash Carter e il capo di Stato maggiore interforze, generale Joe Dunford, non stavano più nella pelle venerdì pomeriggio: in un raid Usa è stato ucciso il numero due dell’Isis, il “ministro delle Finanze” dello Stato islamico. Si tratta di “un terrorista noto, fin dai suoi legami con al Qaida e uno dei tre obiettivi di maggiore valore nella lotta allo Stato Islamico”, ha dichiarato tronfio Carter, il quale ha inoltre sottolineato che gli... Continua a leggere

Il doppiogiochismo sull’Isis di Arabia, Usa ed Europa potrebbe essere alla fine. E Putin…

Di Mauro Bottarelli , il - 6 commenti

Se volete capire quanto istituzioni come l’Onu siano inutili e da chiudere il prima possibile, il caso dello Yemen è esplicativo. Ad oggi, infatti, al netto di oltre 6mila morti di cui la metà civili, sapete quanto ha ricevuto il Paese in aiuti (già stanziati)? Il 2% di 1,88 miliardi di dollari. Complimenti. In compenso, altre cose funzionano a meraviglia laggiù, ad esempio l’arrivo di sangue fresco per aiutare la proxy war che l’Arabia Saudita sta combattendo contro i... Continua a leggere

Ecco perché sulla questione dei migranti l’Europa si è suicidata due volte. Mentre la Turchia gode

Moriremo di ipocrisia, mettiamocelo in testa. Due giorni fa tutti i media hanno riportato con enorme indignazione, quella formato famiglia, la notizia del ritorno in edicola di “Zaman”, il primo giornale turco commissariato dalla magistratura con l’accusa di complottare contro le istituzioni legittime e il presidente Erdogan. Il motivo dello sdegno? La linea editoriale totalmente ribaltata e drammaticamente filogovernativa: la storia di apertura era infatti dedicata alla... Continua a leggere

Boom di contractors in Iraq e non è solo logistica. Si prepara la privatizzazione della lotta al terrore?

I meccanismi della comunicazione moderna si basano su tre pilastri: la forza dei numeri, gli interessi in gioco e l’onda emozionale. Sarà per questo che, nonostante dal giugno del 2014 l’Isis controlli aree del Nord e dell’Ovest del Paese con la medesima violenza che pone in essere ovunque arrivi, l’Iraq difficilmente finisca sulle pagine dei giornali o nei servizi del tg. Prendete il caso di domenica: un camion-bomba ha ucciso 60 persone, ferendone almeno 70, a un... Continua a leggere

Allarmi radioattivi, petrolio e indipendenza curda. L’Iraq entra in pieno nel risiko mediorientale

Di Mauro Bottarelli , il - 9 commenti

Non so quanti di voi si ricordino del cartone animato di Superman e soprattutto del suo refrain: “E’ un uccello! E’ un aereo!, No, è Superman!”. Bene, quanto accaduto mercoledì in Turchia con l’attentato che ha reclamato quasi 30 morti in un complesso militare nel centro di Ankara è molto simile: è un bomba, no un’autobomba, no è un kamikaze. Casualmente, un profugo siriano. Il quale, pur essendo un attentatore suicida, aveva le mani curate come se... Continua a leggere

Israele scarica la Turchia e manda un messaggio agli Usa su Siria e Libia. Lo capiranno?

Di Mauro Bottarelli , il - 25 commenti

Se il buongiorno si vede dal mattino, possiamo tranquillamente definire fin da ora un fallimento i negoziati di pace sulla Siria inaugurati formalmente oggi a Ginevra. Non solo, infatti, era assente l’opposizione sostenuta dall’Arabia Saudita ma anche e soprattutto i curdo-siriani del PYD, volutamente lasciati fuori dalle trattative dall’inviato Onu, Staffan de Mistura, quasi certamente per non irritare la Tuchia. Un giorno di lavori e la Russia già propone una riunione del cosiddetto... Continua a leggere

In America ormai comanda il Deep State, tra interventismo militare e l’opzione Bloomberg

Di Mauro Bottarelli , il - 12 commenti

Nel mio ultimo articolo mi chiedevo provocatoriamente se a salvare i mercati sarà Mario Draghi con la sua ennesima supercazzola sull’aumento del QE (ammesso e non concesso che Deutsche Bank non sia davvero così nei guai da far dire sì alla Bundesbank all’acquisto di obbligazioni bancarie da parte dell’Eurotower a partire da marzo, il che cambierebbe parecchio) oppure sarà Ash Carter, ovvero il Pentagono Usa, con la sua logica di moltiplicatore da warfare. Bene, guardate... Continua a leggere

E’ partita l’agenda nascosta contro Mosca. Tra rublo ai minimi, negazione della realtà e spy story

Di Mauro Bottarelli , il - 31 commenti

Mario Draghi ha venduto l’ennesimo rinvio all’ampliamento del piano di QE ai mercati, i quali come bravi cani di Pavlov se lo sono bevuti nella speranza di un bel mini-rally di correzione dai tonfi che permetta loro di scaricare al parco buoi gli assets che rischiano di diventare rapidamente radioattivi. Per Draghi, “i rischi al ribasso per l’area euro sono aumentati nel nuovo anno per l’incertezza nei Paesi emergenti, la volatilità sui mercati finanziari e... Continua a leggere

Spunta un’autobomba dell’Isis nella “proxy war” in Yemen. Mentre l’Iraq chiama Mosca contro i turchi

Di Mauro Bottarelli , il - 5 commenti

La “proxy war” tra Iran e Arabia Saudita in Yemen rischia di diventare il nuovo scenario da tenere sotto controllo, anche se nel fine settimana non sono mancate nemmeno le novità sul fronte iracheno. Ma partiamo dall’attualità, perché poche ore fa l’Isis ha rivendicato l’attentato avvenuto stamattina ad Aden, in Yemen, in cui è morto il governatore dell’omonima provincia, Jaafar Mohammed. In un comunicato il gruppo salafita ha fatto sapere di aver fatto... Continua a leggere

L’Isis ora non serve più, il nuovo fronte è la “proxy war” in Yemen. Con Russia e Iran nel mirino

Di Mauro Bottarelli , il - 15 commenti

Chi c’è dietro la strage di Ankara? Il premier turco, Ahmet Davutoglu, in un primo momento ha indicato come potenziali sospetti Isis e Pkk ma anche le sigle di estrema sinistra Dhkp-c e Mlkp. Insomma, praticamente tutti tranne servizi segreti e altri gruppi filo-statali, ipotesi che gli analisti non scartano a priori e che anche la popolazione turca ritiene probabile, visto che la folla ha immediatamente gridato alla strage di Stato. Una situazione di caos a soli venti giorni dalle... Continua a leggere

L’immigrazione è solo un’agenda geopolitica ed economica. Non un’emergenza

Di Mauro Bottarelli , il - 8 commenti

Prima di tutto, una precisazione. Quanto leggerete, sono mie ipotesi, congetture, letture sottotraccia della realtà: non sono la verità e non voglio certo spacciarvela come tale, anzi vi chiedo fin d’ora scusa per l’inusuale lunghezza ma certi temi, se non argomentati a dovere, rischiano di perire per pressapochismo. Ma unendo i punti come nella “Settimana enigmistica”, troppe cose attorno all’emergenza immigrazione, soprattutto i profughi siriani divenuti... Continua a leggere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi