Archivi per tag: Svezia

Adesso “Repubblica” scopre il nazismo svedese. Guarda caso, scorda stupri record e no-go zones

Di Mauro Bottarelli , il - 66 commenti

Dunque, in attesa di conoscere mirabolanti retroscena sulla vita dell’ultimo Gatto Silvestro del terrorismo internazionale, un cittadino del Bangladesh che a New York si è fatto scoppiare addosso una pipe-bomb (i tutorial di YouTube non sono più quelli di una volta, maledetta censura), vorrei tranquillizzarvi: l’emergenza neofascista non è passata in cavalleria, anzi assume contorni di grande mobilitazione popolare. Ecco, infatti, il tributo del gruppo editoriale... Continua a leggere

Chi tocca Puigdemont, muore. Di colpo. E mentre la Germania arranca, la Svezia si gode il suo caos

Di Mauro Bottarelli , il - 79 commenti

Ve lo avevo detto già stamattina che la giornata di oggi si presentava gravida di avvenimento. E così è stato. L’ultimo in ordine di tempo appare abbastanza inquietante, dopo che Milano ha perso al sorteggio tramite busta l’assegnazione dell’Agenzia europea del farmaco, finita ad Amsterdam. E’ infatti morto all’improvviso il procuratore generale dello Stato spagnolo, José Manuel Maza, grande accusatore di Carles Puigdemont, degli ex membri del governo catalano,... Continua a leggere

Il vero problema è sentirsi umiliati dalla Svezia e non da Katainen. Ma avremo tempo per piangere

Di Mauro Bottarelli , il - 192 commenti

Per carità di patria, ho atteso un giorno prima di toccare l’argomento. Dopo l’eliminazione dai Mondiale ero pronto a tutto, sapevo che nei media come sui social network si sarebbe riversato il solito bestiario italiano legato all’unica ragione per cui questo Paese è pronto a mobilitarsi. In effetti, è andata così. Ne abbiamo sentite di ogni ma due mantra ci hanno deliziato: la solita rottura di coglioni para-sociologica in base alla quale il calcio è metafora della... Continua a leggere

Ma i difensori delle donne sono ancora in ferie o aspettano il primo stupro compiuto da un italiano?

Di Mauro Bottarelli , il - 119 commenti

Ma quanto cazzo è grande il diametro del cerchio che si sta stringendo attorno al branco di Rimini? Parecchio pare, visto che gli inquirenti sembrano in possesso di tutto: identificazione del trans peruviano (me ne fotto se il politically correct dice che va declinato al femminile, ha il cazzo quindi per me è maschile), novero ristretto di ricercati, persino identità visto che la stampa parla di soggetti regolari, cresciuti addirittura nella cittadina romagnola e noti per attività... Continua a leggere

Ossitocina per farci accettare i migranti? Nessun farmaco può estinguere l’istinto di sopravvivenza

Di Mauro Bottarelli , il - 147 commenti

Sono sincero, sulle prime mi pareva una bufala. Di quelle anche grosse. Tanto per capirci, una di quella che spaccia con estrema frivolezza sul web gente come Alessandro Meluzzi e destinata a rendere ancora più semplice la vita alle grancasse del potere stile Enrico Mentana, come se ne avessero bisogno, visto i mezzi di cui dispongono. Quindi ho cercato riscontri credibili in Rete, ho fatto dei confronti relativi e alle fonti e – seppur ridimensionata nell’allarme – la... Continua a leggere

Il vero presidente USA aizza la NATO a Est per i war-games contro la Russia. E Oslo scodinzola

Di Mauro Bottarelli , il - 90 commenti

Nemmeno ce ne stiamo accorgendo, presi come siamo a discutere di migranti, Venezuela e Corea del Nord ma gli Stati Uniti e la NATO stanno imprimendo una pericolosa accelerazione al programma di totale accerchiamento della Russia, ora anche attraverso la militarizzazione di quella Scandinavia divenuta da bastione di neutralismo ad ennesima colonia del Pentagono. E attenzione, perché si sta scherzando davvero sul fuoco. Lo dimostra il modo in cui “La Stampa”, quotidiano... Continua a leggere

Ha ragione Berlusconi, il lepenismo è perdente. Il vostro motto sia “restate moderati, restate servi”

Di Mauro Bottarelli , il - 80 commenti

“Angela Merkel è il leader europeo più autorevole”, parola di Silvio Berlusconi nella sua intervista al “Foglio” pubblicata oggi. Verrebbe facile l’ironia rispetto a differenti definizioni date della Cancelliera tedesca nel recente passato ma sarebbe roba da SkyTg24, ovvero bufale: quando si andarono a sentire in realtà quelle famose intercettazioni, l’epiteto “culona inchiavabile” si scoprì che non c’era. Quindi, sgombriamo il campo. E... Continua a leggere

Cosa dite, gli accoglienti svedesi adesso avranno capito che non è la Russia il nemico alle porte?

Di Mauro Bottarelli , il - 72 commenti

Al netto di una situazione in Siria ridimensionata nell’aspetto meramente bellico dell’attacco dell’altro giorno (un Tomahawk costa 1,81 milioni di dollari, mandarne a bersaglio 23 su 59 non pare un risultato dei più brillanti) ma non in quello politico tra USA e Russia, tutto da valutare in base alle prossime mosse (la CNN ha sentenziato che “l’altra notte Donald Trump è diventato davvero presidente” e il Senato americano si è detto certo di avere le... Continua a leggere

Consiglio all’albergatore dei migranti: se anche la Svezia si sveglia, vuol dire che l’aria è cambiata

Di Mauro Bottarelli , il - 78 commenti

Quelli che sanno stare al mondo, quelli che non cedono alle sirene del populismo, ci dicono sempre che non esiste muro o politica repressiva che possa fermare la volontà degli uomini di avere una vita migliore: insomma, l’immigrazione clandestina va nella migliore delle ipotesi gestita ma non sperate di fermarla o limitarla. Sarà ma ieri abbiamo scoperto che nel mese di febbraio – il primo mese con Donald Trump alla Casa Bianca per intero – negli Usa sono letteralmente... Continua a leggere

L’ipocrisia immigrazionista prende uno schiaffone al giorno. E se Fillon rompesse i vecchi schemi…

Meno male che al ballottaggio delle presidenziali austriache ha vinto Alexander Van der Bellen, altrimenti l’Austria si sarebbe chiusa a riccio su stessa, avrebbe blindato i confini, espulso clandestini e dato vita alle peggiori politiche anti-migratorie che quei nazisti dell’FPO stanno elaborando da anni. Meno male, davvero. In effetti, con Norbert Hofer presidente, avremmo corso il rischio di vedere il Parlamento di Vienna dare vita a misure tese a spingere i richiedenti asilo a... Continua a leggere

Perché la Svezia invita le sue città a prepararsi alla guerra? La russofobia patologica dilaga

Di Mauro Bottarelli , il - 51 commenti

Con una mossa inaspettata, il governo svedese ha recapitato uno strano regalo natalizio alle municipalità del Paese: ha infatti avvisato le autorità cittadine di preparare infrastrutture di difesa civile e procedure ad hoc per una possibile guerra. Di fatto, il ritorno della Svezia ai tempi della Guerra Fredda e della strategia di difesa totale. Le istruzioni per un incremento del grado di preparazione e risposta a un conflitto armato è stato inviato a tutti i responsabili della sicurezza... Continua a leggere

Il ministro dell’Interno tedesco ora parla come Salvini. Forse teme la nascita di tante Rinkeby

Di Mauro Bottarelli , il - 169 commenti

Esattamente come l’archiviazione ad orologeria per l’indagine sulla Clinton da parte dell’FBI o il bonus cultura per i diciottenni di Renzi, anche in Germania l’approssimarsi delle urne e i segnali sempre peggiori che arrivano dal Paese – non ultimo, per la prima volta la Merkel non è stata invitata al congresso dei cugini bavaresi della CSU – stanno inducendo la politica ad alcuni evidenti strappi rispetto alla linea tenuta fino adesso e che le elezioni... Continua a leggere

Un rignanese a Washington: come svendere l’Italia per far vincere il “Sì”. E altrove si scomoda Hitler

Di Mauro Bottarelli , il - 46 commenti

Non so se il vostro tasso di masochismo raggiunge il mio (ne dubito e sono felice per voi) e avete seguito la diretta di SkyTg24 dell’arrivo di Matteo Renzi alla Casa Bianca, accompagnato da Barack Obama tra due ali di folla agitante bandierine italiane e la fanfara dell’esercito: penso si siano registrati degli orgasmi in studio. Il parossismo filo-governativo era tale che in confronto a SkyTg24, l’Istituto Luce di mussoliniana memoria era un covo di sovversivi. La... Continua a leggere

Prove tecniche di guerra civile europea. Tra bombe, nostalgia della DDR e no-go areas

Di Mauro Bottarelli , il - 54 commenti

I tg italiani, troppo impegnati a glorificare la presunta vittoria di Hillary Clinton nel primo duello televisivo con Donald Trump, non ne hanno dato notizia ma in Germania la questione è stata presa molto seriamente. Ieri a Dresda due bombe hanno danneggiato una moschea – al cui interno di trovava l’imam con la moglie e i due figli, tutti incolumi – e un centro congressi, facendo alzare l’asticella della tensione in vista delle celebrazioni della riunificazione... Continua a leggere

Scoppia l’allarme per la presenza Isis in Kosovo e Macedonia. Ma è un piano Nato partito nel 1999

Di Mauro Bottarelli , il - 27 commenti

Quella che vedete come immagine di apertura è un fermo della mappa interattiva che qualcuno ha voluto creare per mostrare l’impatto criminale dell’arrivo di qualche centinaio di migliaia di risorse in Austria e Germania. Questa è l’applicazione attraverso Google Map e vedete che sul lato sinistro trovate i crimini divisi in categorie con la traduzione dei termini dal tedesco all’inglese. Insomma, non c’è che dire, l’arricchimento culturale è decisamente... Continua a leggere

Tra radicalizzati a tempo di record e politica imbelle, la Svezia ci ricorda cosa ci aspetta

Di Mauro Bottarelli , il - 141 commenti

Dev’essere nata una Scuola Radioelettra per estremisti islamici e non ce ne siamo accorti. Perché appare un po’ strano che sia l’attentatore di Nizza che l’afghano che ieri sera ha ferito a colpi d’ascia i passeggeri di un treno in Baviera, si siano radicalizzati in due settimane: forse si tratta di lavaggio del cervello, più che di radicalizzazione. Ma chi può dircelo, come al solito i due martiri sono stati uccisi. E i morti non parlano. Ovviamente... Continua a leggere

Sugli immigrati, Fassino scoperchia il vaso di Pandora dell’ipocrisia PD. Mentre in Svezia..

Di Mauro Bottarelli , il - 62 commenti

Sarà stata la legnata inattesa della sconfitta alle amministrative, sarà che all’interno del PD è sempre stato il più onesto nel denunciare i limiti di certe politiche unicamente ideologiche ma Piero Fassino, pochi giorni fa, ha scoperchiato il vaso di Pandora dell’ipocrisia del principale partito della sinistra italiana e della sua politica in fatto di immigrazione. Ovviamente la notizia è stata silenziata e relegata nelle pagine locali di Repubblica di Torino ma il loro peso... Continua a leggere

Svezia, 40 casi di molestie di migranti in soli due giorni. Come mai i”drappi rossi” sono in silenzio?

Di Mauro Bottarelli , il - 91 commenti

Lo scorso fine settimana in Svezia si sono tenuti due famosi festival musicali, tipici del periodo estivo. Bilancio finale, alcune decine di “risorse” e “beni” (stando alle definizione che degli immigrati hanno dato la presidente Boldrini e Papa Francesco) hanno molestato sessualmente 35 ragazze nel primo e 5 nel secondo. Notizie sulla stampa italiana, giustamente molto attenta – a parole – al tema della violenza sulle donne e al femminicidio? Zero, nemmeno... Continua a leggere

Volete sapere come vivremo tra 10 anni avanti di questo passo? Ecco le cartoline dallo Svezistan

Di Mauro Bottarelli , il - 174 commenti

Visto che la situazione non è abbastanza fuori controllo, mettiamoci pure il carico da novanta. La scorsa settimana nella città svedese di Eskilstuna, lo staff di un centro di accoglienza per migranti è finito nell’occhio del ciclone perché, come raccontato dal quotidiano Eskilstunakuriren, tentava di islamizzare i nuovi arrivati, incoraggiandoli a essere maggiormente fondamentalisti nell’interpretazione del proprio culto. Tra le altre cose, ai rifugiati veniva chiesto di... Continua a leggere

Il 31 maggio è nata la polizia del pensiero, attenti a cosa scrivete. Ue e social vanno a caccia di odio

Di Mauro Bottarelli , il - 106 commenti

Il mondo ha pianto la morte di Mohammed Alì e lo ha ricordato, oltre che come campione sul ring, anche come paladino dei diritti civili degli afro-americani, soprattutto dopo la conversione all’Islam sulla scorta del consenso delle masse nere per Malcolm X e le sue Black Panthers. Ecco cosa disse in un’intervista alla Bbc nel 1971 lo stesso Alì, parlando di razza e meticciato: “Sarei triste se mio figlio non assomigliasse a me, ogni uomo intelligente vuole che il proprio... Continua a leggere

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi