Archivi per tag: traduzioni

Inizia lo show di bitcoin

di Douglas French Il guru del mondo degli investimenti Bill Miller e suo figlio, Bill Miller IV, prospettano un mercato toro per bitcoin, credendo che la moneta digitale il cui prezzo è aumentato quest’anno è destinata ad essere rivoluzionaria. “È veramente rivoluzionaria ed una vera innovazione nel campo monetario”, ha detto Miller alla CNBC. “Non lo abbiamo visto da migliaia di anni”. Tutto è influenzato da questa tecnologia, in particolare la qualità dei... Continua a leggere

La cospirazione dorata

di James Rickards Esiste una manipolazione dei prezzi dell’oro? Assolutamente sì. Non c’è dubbio. Non è solo un parere. Ci sono prove statistiche, oltre a prove aneddotiche e prove forensi. Le prove sono molto chiare, infatti. Ho parlato ai membri del Congresso. Ho parlato con le persone nell’intelligence, nella difesa, personale anziane nel FMI. Non mi piace fare dichiarazioni forti senza avere prove convincenti e le prove sono tutte lì. Ho parlato con un statistico che... Continua a leggere

Come funziona la FED — E perché è un problema

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di Frank Shostak Ci vengono spesso chiesti i meccanismi con cui il Federal Reserve Board influenza il livello dei tassi d’interesse negli Stati Uniti e se questi meccanismi influenzino anche il livello dell’offerta monetaria statunitense. È da tempo che si ritiene che la FED non gonfi e contragga l’offerta monetaria, ma agisca semplicemente per orientare i tassi d’interesse. Lo scopo di questo breve articolo è quello di chiarire come funziona la FED e l’impatto... Continua a leggere

È molto probabile che la FED invertirà il suo piano di rialzare i tassi d’interesse

Come al solito i pianificatori monetari centrali sono ciechi di fronte alle conseguenze delle loro azioni. O per meglio dire, non possono prendere in considerazioni tutte le eventuali conseguenze delle loro azioni perché è umanamente impossibile. In virtù di ciò le conseguenze non intenzionali sono sempre dietro l’angolo quando si vuole controllare a tavolino un ambiente economico che non risponde alla volontà esclusiva di un manipolo d’individui. Con l’ennesimo rialzo... Continua a leggere

Gini e la politica monetaria

di Alasdair Macleod Le banche centrali stanno diventando sempre più consapevoli che i critici della politica monetaria stanno guadagnando molta trazione nelle loro argomentazioni: non solo le politiche monetarie hanno fallito nel raggiungere i propri obiettivi, ma stanno anche creando distorsioni economiche controproducenti. Prima fra queste è il trasferimento di ricchezza alimentato dalla svalutazione monetaria. I banchieri centrali hanno sempre glissato su questo problema, che se... Continua a leggere

Rialzo dei tassi e l’oro

di Keith Weiner La grande notizia di queste ultime settimane proviene dalla FED, la quale ha annunciato due cose: ha rialzato i Fed Funds di altri 25 punti base, da 1.00% a 1.25% e ci saranno ulteriori aumenti quest’anno; la FED intende ridurre il proprio bilancio, non vendendo titoli bensì non reinvestendo in alcuni di essi portandoli a scadenza. Questo equivale a ridurre la forza lavoro a colpi di cassa integrazione anziché con licenziamenti. Noi non siamo funzionari della FED, ma se... Continua a leggere

Banche centrali e creazione di denaro: c’è una qualche connessione?

di Frank Shostak Secondo la teoria economica tradizionale, il sistema monetario amplifica le iniezioni monetarie iniziali: se la banca centrale inietta $1 miliardo nell’economia e le banche devono tenere il 10% in riserva rispetto ai loro depositi, ciò significherà che la prima banca presterà il 90% di suddetto miliardo. I $900 milioni, a loro volta, finiranno in una seconda banca di cui ne presterà il 90%. Gli $810 milioni finiranno in una terza banca che a sua volta ne presterà il... Continua a leggere

La calma prima della tempesta: il bilancio della FED

di Lee Adler L’annuncio della Federal Reserve secondo cui presto comincerà a ridurre il suo stato patrimoniale, è il passo più importante che abbia intrapreso con la politica monetaria da quando nel marzo 2009 ha avviato gli acquisti di titoli di stato USA dai Primary Dealer. Nel frattempo il bilancio della FED e diversi indicatori bancari chiave, sono attualmente nella fase “calma prima della tempesta”. Il prestito bancario continua a rallentare, ma ancora non sta colando... Continua a leggere

Come la blockchain sta cambiando il mondo dell’arte

di Wassim Bendella Forse avete sentito parlare di John Myatt, il famoso falsario dietro “la più grande frode nel mondo dell’arte del XX secolo”. Myatt riprodusse oltre 200 pezzi d’arte dei pittori più famosi del XIX e XX secolo. I suoi falsi sembravano così simili agli autentici che gli esperti delle case d’aste li valutarono a prezzi enormi e gli acquirenti furono ingannati. Tali inganni e falsificazioni non sono un caso isolato. Infatti il 2016 è stato anche... Continua a leggere

La bolla che potrebbe fare a pezzi il mondo

di James Rickards La chiave per analizzare una bolla è guardare a che cosa la stia gonfiando. Se si comprende la dinamica nascosta, la vostra capacità di raccogliere enormi profitti o evitare perdite sarà notevolmente migliorata. Sulla base dei dati che risalgono al crollo del 1929, questa bolla sembra poter produrre grandi perdite improvvise per gli investitori. Il mercato adesso è particolarmente suscettibile ad una correzione nitida, o peggio. Prima di parlare del modo migliore per... Continua a leggere

La prossima gamba del grande rally dell’oro

di Byron King Anche dopo il recente pullback dell’oro da $1,290 a $1,269, i prezzi dell’oro sono in crescita di quasi il 20% sin dall’inizio del 2016. Anche i titoli azionari legati all’oro sono aumentati prima di rientrare nell’attuale range. Oggi guarderemo quanto più in su potremmo andare da qui… Prima di guardare avanti, diamo un breve sguardo indietro. Di seguito è riportato un grafico che descrive i movimenti dei prezzi delle gold e mining stock... Continua a leggere

Come lo stato distrugge la sovranità dei consumatori

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di Per Bylund È facile cadere nella trappola del cosiddetto “costo maggiorato”, cioè, considerare i prezzi dei beni di consumo una funzione dei costi di produzione. Sfortunatamente tale metodo è insegnato agli studenti di tutte le università del mondo, consolidando di conseguenza un punto di vista burocratico per quanto concerne l’imprenditoria e l’economia. I costi di produzione non determinano i prezzi I prezzi non sono il risultato dei costi; è proprio il... Continua a leggere

Cosa c’è di così sorprendente in bitcoin? Il fatto che esista

di Jeffrey Tucker Fu a febbraio 2013 quando anche altre persone si accorsero che Bitcoin sarebbe diventato una cosa seria. Il tasso di cambio col dollaro era di $25, un cammino costellato da salite e discese durato per due anni. Ero appena tornato da una conferenza in cui alcuni Bitcoiners mi avevano fornito le informazioni di cui avevo bisogno. Ci sarebbero voluti altri due mesi prima che fossi in grado di scrivere un articolo su questo tema. Ma durante quei primi tempi era normale essere... Continua a leggere

La confusione sui tassi d’interesse (parte II)

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di Frank Hollenbeck In seguito alla crisi delle dot-com del 2001, i tassi di interesse furono abbassati all’1% e lentamente sono cresciuti al 5% in un periodo di 4 anni. Questa timida politica ha creato ancora un’enorme bolla nel settore immobiliare che è finalmente scoppiata nel 2008. Anziché imparare dal passato, abbiamo raddoppiato l’applicazione della stessa politica fallace. I tassi di interesse si sono dunque abbassati fino allo 0% e sono stati bloccati a quel... Continua a leggere

La confusione sui tassi d’interesse (parte I)

di Frank Hollenbeck Fin dal 2008 le banche centrali hanno rincorso l’abbassamento degli interessi per spronare la crescita. Questo ha indotto cattivi investimenti in quasi tutte le classi di attività. Per esempio, con i prezzi sotto i 50 dollari al barile e con tendenza al ribasso, l’industria dello shale oil è in grossi problemi, poiché ha ricevuto prestiti dal sistema bancario per più di un migliaio di miliardi di dollari. Naturalmente, gli economisti e la teoria economica... Continua a leggere

Il passo successivo nell’esperimento europeo dei tassi d’interesse negativi

di Thorsten Polleit La Banca Centrale Europea (BCE) ha spinto il tasso di deposito a -0.4% nell’aprile del 2016. Da allora le banche dell’area Euro devono pagare lo 0.4% l’anno sulle loro riserve in eccesso detenute presso la BCE. Questo, a sua volta, ha conseguenze di grande portata. Tanto per cominciare, le banche cercano di evadere questa “penalità” acquistando soprattutto obbligazioni sovrane. Ciò spinge inevitabilmente i prezzi di tali obbligazioni e ne... Continua a leggere

Le azioni statunitensi sono disastrosamente sopravvalutate

di Bill Bonner SALTA, ARGENTINA – Oggi scriveremo sugli utili aziendali. A meno che non vogliate giocare al gioco dello “sciocco più sciocco” – acquistando nella speranza che qualcuno là fuori sia disposto a pagare un prezzo più elevato – l’unico motivo per acquistare un’azione è per i suoi utili. In quanto azionisti, partecipate ai profitti dell’azienda. A parità di condizioni, all’aumentare dei profitti, aumentano anche i prezzi delle... Continua a leggere

Non sono i prezzi alti la causa delle bolle economiche

di Frank Shostak È diventata quasi una tradizione che le bolle rappresentino una causa importante delle recessioni economiche. La domanda principale posta dagli esperti è come si possa intuire quando si sta formando una bolla. L’opinione comune è che se le banche centrali sapessero la risposta a questa domanda, allora potrebbe essere in grado di prevenire la formazione delle bolle e quindi prevenire le recessioni. Un premio Nobel per l’economia, Robert Shiller, ha sostenuto che... Continua a leggere

Cos’ha fatto di recente lo stato per voi?

di Jeffrey Tucker Quanto è sostenibile il modello di politica del XX secolo nell’era digitale? Non molto. I fallimenti dello status quo stanno diventando troppo evidenti ed i costi troppo alti. Inutile dire che siamo in prossimità di un cambiamento. Cominciamo con le due iniziative più grandi del nostro tempo: l’Obamacare e le guerre in Medio Oriente che hanno avuto inizio con la guerra in Iraq. I fallimenti di entrambi hanno molto in comune: hanno avuto inizio sotto i migliori... Continua a leggere

Perché la spesa pubblica conta di più della grandezza del deficit

di Frank Shostak I deficit di bilancio finiscono spesso sotto i riflettori dei media. Il deficit di bilancio è definito come la differenza tra ciò che lo stato spende e quello che raccoglie in tasse. Quando spende più di quanto raccoglie, allora emerge un deficit di bilancio. Quando raccoglie più di quanto spende, allora si parla di un avanzo di bilancio. Il punto di vista convenzionale ritiene che i deficit di bilancio riducano il risparmio nazionale, in genere definito come la somma del... Continua a leggere

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi