Archivi per tag: traduzioni

Il mistero del denaro che sparisce dalle casse del Tesoro USA

di David Stockman A partire dal 24 ottobre, il Tesoro degli Stati Uniti aveva nelle sue casse circa $435 miliardi. Questo perché i burocrati federali avevano emesso debito e prevedevano di accumulare un tesoro in denaro fino al 15 marzo 2017, quando Hillary Clinton avrebbe dovuto convincere il Congresso per un altro aumento del tetto del debito. Inutile dire che Hillary è stata inaspettatamente (e per fortuna) mandata in pensione a Chappaqua, New York. Ma la sorpresa meno discussa è che il... Continua a leggere

Europa, Stati Uniti ed Israele non possono risolvere la situazione in Siria

«Oggi, così come accadeva durate il feudalesimo quando i signori dichiaravano guerra oppure si arroccavano nei loro castelli lasciando a marcire i popolani, i “cattivi” da cui lo stato dovrebbe proteggerci non rappresentano una vera minaccia per quanto riguarda la vita, le proprietà e la libertà delle persone nei vari paesi; e quando la minaccia è reale, è quasi sempre il prodotto della provocazione degli stessi stati che dovrebbero proteggere i propri cittadini. Che le... Continua a leggere

Il conto alla rovescia alla crisi

di David Stockman Durante il periodo antecedente le ultime elezioni presidenziali degli Stati Uniti, i burocrati statali del Tesoro USA hanno accumulato quello che ho descritto come il “tesoretto di Hillary” per l’arrivo del tetto del debito, portando il loro bilancio a $425 miliardi poco prima il giorno delle elezioni. Poco dopo le elezioni, invece, il Tesoro USA ha smesso di vendere nuovo debito e ha cominciato a ripagare quello in scadenza. Ha bruciato più di $338 miliardi di... Continua a leggere

È stata la FED a tenere bassi i tassi d’interesse?

di George Selgin Quando mio fratello gemello ed io eravamo bimbetti, nostro padre ci convinse che avrebbe potuto far scattare il rosso e il verde sul semaforo in qualunque momento volesse. Alzando la mano verso la luce mentre eravamo ad un incrocio, diceva: “Ti comando di diventare verde… ora!” La luce cambiava proprio al momento giusto, mentre due ragazzini gridavano: “Papà, come fai!?” Condivido questo piccolo aneddoto perché sono convinto che se la maggior... Continua a leggere

Donald J. Trump: il bombarolo in capo dell’impero

di David Stockman L’“attacco” missilistico di Trump sulla base aerea di al-Shairat in Siria è sicuramente l’atto più sconsiderato, imprudente e stupido che io possa ricordare negli ultimi 50 anni almeno. E ho messo “attacco” tra virgolette perché è ormai evidente che ognuno di quei $1.4 milioni di Tomahawk, non sono serviti a niente. 36 dei 59 missili sono finiti altrove rispetto alla base aerea di al-Shairat, tra cui un villaggio nelle vicinanze dove a quanto pare sono... Continua a leggere

5 modi per pensare come lo stato

di Jeffrey Tucker Avete notato una sorta di modello quando vi ritrovate a trattare con qualsiasi aspetto dello stato? Credo proprio che l’abbiate notato tutti. L’esperienza dimostra che se qualcosa va veramente male, spreca il vostro tempo, vi infastidisce, intacca la vostra dignità e, infine, si dimostra solo essere totalmente inefficace, c’è una buona probabilità che sia coinvolto lo stato. Questa è una delle caratteristiche più persistenti e tuttavia meno riconosciute... Continua a leggere

Creazione di denaro e ciclo boom/bust

di Frank Shostak Nei suoi vari scritti, Murray Rothbard ha sostenuto che in un’economia di libero mercato, avente un gold standard, la creazione del credito non coperto dall’oro (riserva frazionaria) fa emergere la minaccia del ciclo boom/bust. Nel suo The Case for 100 Percent Gold Dollar, Rothbard scrisse: Pertanto sostengo che il sistema monetario più sano e l’unico pienamente compatibile con il libero mercato e con l’assenza di forza o frode, è un gold standard al... Continua a leggere

La grande debacle in agguato per Trump

di David Stockman A quanto pare il sipario ancora non è calato sulla Siria. La scorsa settimana il Segretario di Stato di Trump aveva annunciato che il “cambio di regime” in Siria era finito e che il governo di Assad poteva rimanere. Dopo tutto, nella scala delle varie minacce, quella dei jihadisti sunniti — che sia l’ISIS, Nusra o una dozzina di macellai con la stessa mentalità — è infinitamente più grave rispetto a quella del regime dispotico di Bashar Assad. Che rimanga... Continua a leggere

Come i tassi d’interesse influenzano la preferenza temporale — e viceversa

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di Frank Shostak Secondo gli scritti di Carl Menger e Ludwig von Mises, la forza motrice dietro la determinazione del tasso d’interesse è rappresentata dalle preferenze temporali degli individui. Come regola generale, le persone assegnano un valore più elevato ai beni presenti rispetto ai beni futuri. Ciò significa che i beni presenti sono valutati ad un premio rispetto ai beni futuri. Questo deriva dal fatto che un creditore, o un investitore, debbano cedere alcuni benefici nel... Continua a leggere

Il crash economico sarà violento

di David Stockman È quasi impossibile esagerare riguardo il livello di mania sgangherata nei mercati azionari, ciononostante i robo-trader proprio non riescono a lasciarla andare. Sembrano dei dodicenni che stanno imparando ad andare in bicicletta e dicono di riuscirci senza mani e ad occhi chiusi! Peggio ancora, questi temerari sono stati spalleggiati dalla FED e da altre banche centrali… come se andare alla cieca sia ormai considerato completamente sicuro. Dopo tutto, possiamo contare... Continua a leggere

Perché le banconote valgono qualcosa?

di Frank Shostak Perché le banconote nelle tasche dei cittadini valgono qualcosa? Secondo alcuni esperti, le banconote hanno valore perché lo stato dice così. Altri esperti sono del parere che le persone sono disposte ad accettarle come pagamento. Dire che il valore del denaro dipenda dallo stato o da una sorta di convenzione sociale, significa molto poco. In realtà quello che stanno dicendo gli esperti è che il denaro ha valore perché viene accettato… E perché viene accettato?... Continua a leggere

Il Grande Sfasciatore colpisce ancora: l’orrore fiscale in agguato a Washington

di David Stockman [Il seguente articolo è la fusione di The Great Disrupter Strikes Again, The Fiscal Horror Show Playing Soon in Washington e The GOP’s Obamacare Lite: Retreat, Retweak, Rename, Renege.] Le ampollosità di Trump stanno causando gravi perplessità e dubbi tra gli alleati degli Stati Uniti in Europa e in Asia orientale. Bene! Forse la prossima volta che Washington inviterà il mondo ad unirsi in una delle sue guerre inette, non risponderà nessuno. Nel contempo, le... Continua a leggere

L’elemento morale insito nella libera impresa

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di Friedrich A. Hayek L’attività economica fornisce i mezzi materiali per tutti i nostri fini. Allo stesso tempo, gran parte dei nostri sforzi individuali sono diretti a produrre mezzi per i fini di altri in modo che essi, in cambio, possano fornire a noi i mezzi per i nostri fini. È solo poiché siamo liberi nella scelta dei nostri mezzi che siamo anche liberi nella scelta dei nostri fini. La libertà economica è perciò una condizione indispensabile per tutte le altre libertà, e la... Continua a leggere

Chi controlla Bitcoin?

di Daniel Krawisz Una preoccupazione comune e comprensibile su Bitcoin, è che potrebbe essere danneggiato a livello di protocollo per servire interessi particolari piuttosto che le masse. Ad esempio, potrebbero essere adottate caratteristiche che potrebbero rendere Bitcoin molto meno anonimo o che lo trasformerebbero in un sistema centralizzato. Si teme la presenza di qualcuno che possa influenzare lo sviluppo degli aggiornamenti e bloccarli. Chiunque potrebbe creare fork in Bitcoin, ma... Continua a leggere

È tutto finito tranne le urla

di David Stockman È tutto finito tranne le urla, e non sto parlando solo della cosiddetta “abrogazione e sostituzione” dell’Obamacare. Intendo tutta la fantasia del Rally Targato Trump e del punto di vista illusorio di Wall Street secondo cui la massiccia bolla finanziaria nel casinò, possa continuare ad essere gonfiata a tempo indeterminato grazie ad un qualunque “stimolo” partorito da Washington. Trump ha vinto solo perché l’entroterra statunitense è disperato dal... Continua a leggere

Il prezzo dell’oro salirà anche se la FED continuerà ad alzare i tassi d’interesse

di James Rickards Quando la FED ha aumentato i tassi d’interesse a dicembre dello scorso anno, molti credevano che l’oro sarebbe precipitato. Ma non è andata così. L’oro ha fatto segnare un minimo il giorno dopo il rialzo dei tassi, ma poi ha cominciato a muoversi più in alto. E nelle ultime 10 settimane è salito di circa il 12%, nonostante qualche alto e basso dovuto alle fluttuazioni. Per inciso, la stessa cosa è accaduta quando la FED ha rialzato i tassi a dicembre... Continua a leggere

Il cosiddetto “Obamacare Lite” era solo una frode fiscale

di David Stockman Il piano di “abrogazione e sostituzione” dell’Obamacare, come avevo predetto, era un disastro fiscale. Non solo avrebbe aggiunto $1,100 miliardi al deficit federale nei prossimi dieci anni, ma, ancora più importante, non avrebbe riformato nulla. Avrebbe lasciato in piedi la grande espansione del Medicaid, scambiando un tipo di credito d’imposta per un altro nel mercato assicurativo individuale ed avrebbe lasciato intatti gli enormi sussidi fiscali — pari a... Continua a leggere

Un piano per far tornare grande me stesso

Capita spesso che alcuni dei commentatori ai miei articoli, carichino a testa bassa ogni volta che leggono qualcosa contro lo stato e a favore delle imprese private. Si riduce il tutto ad una guerra tra fazioni, dove il caos risultante partorisce solamente sterili soluzioni e arroccamenti sulle proprie idee. Il confronto per de il suo significato e la violenza della coercizione statale finisce per vincere, perché qualunque sia la guerra essa rappresenta sempre la salute dello stato. Ma... Continua a leggere

La connessione tra inflazione e disoccupazione

di Frank Shostak Un calo del tasso di disoccupazione negli Stati Uniti al 4.6% il novembre scorso, rispetto al 4.9% del mese precedente e al 5% del novembre dell’anno precedente, ha spinto alcuni commentatori a suggerire che siamo quasi vicini al cosiddetto tasso naturale, che si ritiene essere a circa il 4.5%. Si ritiene che una volta che il tasso di disoccupazione scende al di sotto di un tasso “ottimale” — chiamato Non-Accelerating Inflation Rate of Unemployment (NAIRU)... Continua a leggere

Denaro reale e perché ne avete bisogno ora

di Bill Bonner Molti anni fa, prima dell’invenzione della moneta moderna o del capitalismo, la gente possedeva lo stesso una certa quantità di ricchezza – anche se limitata. E aveva ancora modo di tenerne traccia. Il principio del “commercio equo” sembra essere nel nostro DNA. Se date qualcosa al vostro prossimo, non vi aspettate che vi colpisca in testa. Vi aspettate che vi dia qualcosa in cambio. E se gli date una mucca e lui vi dà la metà di un coniglio, un qualche... Continua a leggere

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.