Archivi per tag: UE

Il boom di AfD è fondamentale per far emergere i rivoluzionari alla Flaiano e i sepolcri imbiancati

Di Mauro Bottarelli , il - 293 commenti

Una cosa mi ha colpito ieri sera: Enrico Mentana non era in onda con una delle sue mitologiche maratone di approfondimento. Ma come, uno che dorme in studio pur di non mancare l’occasione di spaccare il capello in quattro nel vivisezionare il voto municipale di Mondovì, mi cade sull’elezione dell’anno e cede il passo a replice de “L’ispettore Barnaby”? Sulle prime mi è venuto da pensare che, finalmente, Urbano Cairo avesse capito che fa più ascolti un... Continua a leggere

Il pentolone catalano sta esplodendo: capito ora a cosa servivano “terrorismo” e paura permanente?

Di Mauro Bottarelli , il - 135 commenti

Era soltanto questione di tempo. Ed è arrivato. Il frutto marcio di mesi e mesi di montanti politiche repressive legate all’allarme terrorismo e alla strategia della paura oggi ha mostrato il sio volto collaterale a Barcellona: e, come era ovvio, senza che la cosiddetta comunità internazionale avesse alcunché da ridire. Frasi blande, auspici che nulla trascenda, intercalari diplomatici al limite del farsesco. E di fronte a cosa? All’irruzione della Guardia Civil, armata fino a... Continua a leggere

L’Italia s’è desta: 6 nuovi hot-spot, così i migranti stanno più larghi. Ma se Allegri si scopa Ambra…

Di Mauro Bottarelli , il - 84 commenti

Il bar dove vado a bere il caffè e comprare le sigarette al mattino, è la mia cartina di tornasole sociale, il mio termometro del Paese. Davanti a un espresso o a un cappuccino salta fuori il meglio e il peggio di noi, complice anche il fatto che è mattina presto, stiamo andando al lavoro e quindi l’umore non è di quelli festaioli. Non mi stupisce più, anzi lo trovo qualcosa di confortante, il fatto che per ogni fruitore rapido del “Corriere della Sera” ce ne siano 15... Continua a leggere

Un attentato emotivo, mediatico e politico. Che spiana la strada a una nuova pax mediorientale

Di Mauro Bottarelli , il - 50 commenti

Azzardo ipotesi a caldo riguardo l’attentato di Manchester, dove -nel momento in cui sto scrivendo – hanno perso la vita 22 persone, mentre altre 59 sono rimaste ferite. Si parla di un kamikaze, come a Parigi nel 2015 ma un qualcuno che, se fosse confermata l’ipotesi, ha atteso il momento del deflusso dall’arena a fine concerto per farsi esplodere, in un’area esterna vicino alla biglietteria, quindi per ottenere il massimo effetto, senza correre il rischio di... Continua a leggere

Auguri, buon cinquantamillesimo migrante a tutti! Ma tranquilli, in autunno salta il banco. Speriamo

Di Mauro Bottarelli , il - 107 commenti

Evviva! E poi dicono che l’Italia non ha i numeri. Stappate stasera, aprite lo champagne che tenete in frigo per le celebrazioni calcistiche o per le lauree di qualche congiunto, fate volar via il tappo della più prosaica birra o bevetevi un grappino alla salute dei 50mila migranti sbarcati sulle coste del nostro Paese da inizio anno. Anzi, per la precisione, 50.041. Sono soddisfazioni, non c’è che dire. E stavolta a confermare le cifre non è Frontex, quantomeno ballerino nelle... Continua a leggere

Preoccupati dallo sbilanciamento di poteri turco? Date un’occhiata a chi sta comandando negli USA

Di Mauro Bottarelli , il - 140 commenti

Immagino che tutti sappiate come è andato a finire il referendum costituzionale in Turchia: il “Sì” alla svolta presidenzialista voluta fortemente dal presidente Erdogan ha avuto la meglio con il 51% a fronte di un’affluenza altissima, quasi l’86% degli aventi diritto. Molto polarizzata la distribuzione del voto: a valanga in favore del presidente l’Anatolia profonda e musulmana, in favore del “No” le grandi città come Ankara, Istanbul e Smirne.... Continua a leggere

Tutti contro Trump, perché fa ciò che già fece Obama. E in Canada arriva l’attentato su misura

Di Mauro Bottarelli , il - 66 commenti

Dunque, Donald Trump sta facendo indignare il mondo per la sua decisone di un blocco temporaneo, 90 giorni, degli immigrati provenienti da sette Paesi indicati come esportatori di terroristi. In molti aeroporti americani sono andate in scena proteste di cittadini, i quali chiedono porte aperte per i rifugiati e bollano come anti-americano l’atto compiuto dal presidente Usa. Lo sdegno ha mosso tutti: dall’Onu all’Ue, passando per i governi di mezzo mondo, tutti uniti nel... Continua a leggere

Il Movimento 5 StAlle e il Vaffanculo all’Unione Repubbliche Socialiste Europee

Di Marco Tizzi , il - 99 commenti

E venne il giorno de la volpe e l’uva. Il giorno in cui finalmente il Movimento 5 StAlle decide di buttare la sua maschera e cerca di realizzare il suo sogno di sedersi al tavolo di quelli che contano nell’Impero Socialista, per far valere il suo importante pugno di voti dall’irrilevante provincia italica. Il giorno in cui lo rimbalzano come un corpo estraneo. Il giorno in cui fa finta che in fondo è meglio così, perché da soli si sta meglio.   Pensavate di aver votato per un... Continua a leggere

Lo scandalo per il “No” sul Pirellone ci dimostra lo stato in cui versa l’Italia. Ma se vincesse Hofer…

Di Mauro Bottarelli , il - 50 commenti

Quella che vedete ritratta nell’immagine di copertina è la pietra dello scandalo che ha fatto andare in tilt la politica milanese: qualcuno, ieri sera, ha lasciato accese le luci di alcuni piani del Pirellone facendo formare la scritta “No”, chiaro riferimento al referendum di domani. Attentato!!! Chiamate i servizi segreti!!! Quelli che parlano figo, lo chiamerebbero un flash-mob, io che sono figlio di un operaio e di una casalinga, lo chiamo lasciare accese le luci di... Continua a leggere

Il 4 dicembre l’Europa si gioca la sopravvivenza. Prepariamoci a due mesi di balle e propaganda

Di Mauro Bottarelli , il - 56 commenti

Dunque, come era ormai ovvio, il governo ha deciso che il referendum costituzionale si terrà il 4 dicembre, la stessa domenica in cui – sempre che la colla delle buste per il voto postale regga – l’Austria tornerà alle urne per il ballottaggio delle presidenziali. Un’abbinata non casuale, perché garantisce due risultati: a livello europeo, mette tra questa scadenza e il voto ungherese di domenica prossima sulle quote di migranti due mesi durante i quali fare una... Continua a leggere

Elezioni europee 2014, la rete italiana di Soros: all’Arcigay 100mila dollari e per i rom 50mila?

Di Mauro Bottarelli , il - 34 commenti

La notizia è stata debitamente silenziata, perché certe persone non vanno disturbate. Il problema è che nella società della Rete, non tutto è controllabile. E quindi oggi sappiamo non solo che George Soros ha subito un attacco hacker da parte di DCLeaks – sicuramente un gruppo di russi al soldo del Cremlino – ma che gli oltre 2500 documenti rubati testimoniano la capillare attività dell’arcipelago umanitario di Soros, capitanato dalla Open Society Foundation, nelle... Continua a leggere

La regola del sospetto vale per tutti. Ma per la Turchia, di più. Mentre la Francia balla da sola.

Di Mauro Bottarelli , il - 153 commenti

Vi dico solo che Erdogan comincia a starmi simpatico, quindi fate voi in quale immenso casino siamo precipitati. La cronaca vi è nota: il presidente turco ha dichiarato lo stato di emergenza per tre mesi (esattamente come ha fatto Hollande dopo Nizza) ma si è premurato di annunciare che questo non impone la legge marziale e che l’unico scopo è quello di ripulire esercito e società dalle infiltrazioni del movimento di Gulen (così come in Francia non c’è la legge marziale e... Continua a leggere

Altro che il Brexit, la Germania ha un ben altro problema. Ed Erdogan potrebbe aggravarlo molto

Di Mauro Bottarelli , il - 123 commenti

Mentre i media autorevoli dedicano tutta la loro attenzione all’attacco da operetta dell’alcolizzato lussemburghese contro Nigel Farage, forse occorrerebbe prestare maggiore attenzione all’atteggiamento di Angela Merkel verso la vicenda Brexit. Tutti infatti hanno sottolineato una sua particolare durezza, tralasciando il fatto che soltanto la Cancelliera e il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, hanno invece sposato la tesi di Londra della necessità di tempo (e di... Continua a leggere

Brexit, per un nuovo referendum 50mila firme dal Vaticano (836 residenti). Ma il SuperStato avanza

Di Mauro Bottarelli , il - 67 commenti

L’immagine d’apertura del post di oggi è tratta da un telegiornale inglese e vede un poliziotto tenere in mano un cartello appena sequestrato per il suo contenuto a un manifestante pro-Ue nel corso di una manifestazione tenutasi a Londra venerdì scorso. Penso che non servano miei commenti al riguardo per rendersi conto che si tratta di un subumano. E, ovviamente, questo non vuole essere un atto d’accusa verso tutti i simpatizzanti del Remain, la stragrande maggioranza dei... Continua a leggere

L’UE si consola del Brexit aprendo alla Turchia. Ma banche ed effetto domino sono il vero rischio

Di Mauro Bottarelli , il - 15 commenti

Al netto del terrorismo mediatico, pare che il Brexit non abbia portato con sé le cavallette. Anzi, a Londra tutto prosegue come al solito, non si hanno notizie di rimpatri forzati di lavoratori comunitari e il Big Ben non è crollato. Mi spiace per i fomentatori di panico di SkyTg24 ma ad avere paura, per adesso, è l’Ue e non la Gran Bretagna. Per adesso. Certo, Juncker fa la voce grossa e dice che Londra deve muoversi ad attivare l’articolo 50 che regolamenta l’uscita... Continua a leggere

Due testimoni (stranieri) negano che il killer della Cox abbia detto Britain First. Ma la propaganda..

Di Mauro Bottarelli , il - 3 commenti

Ormai ci siamo, domani è il grande giorno del referendum sul Brexit. L’incertezza rimane alta, lo testimonia il fatto che nelle ultime 24 ore siano scesi in campo i grossi calibri in favore della permanenza nell’Ue, da George Soros alla Football Association fino a David Beckham, uno spettro di volti noti che copre ogni tipo di criticità e pubblico. Ieri, poi, Mario Draghi, parlando al Parlamento Ue, è tornato a rassicurare sul fatto che “la Bce è pronta a far fronte a... Continua a leggere

Caso Cox, mentre Repubblica va a caccia di nazisti dell’Illinois, il referendum ora è in dubbio

Di Mauro Bottarelli , il - 41 commenti

Il day after dell’omicidio di Jo Cox da parte del malato psichico Thomas Mair è stato onorato in Gran Bretagna con ricordi ufficiali. Il premier David Cameron, dopo aver annullato un evento a favore del Remain a Gibilterra, si è recato sul luogo del delitto, in West Yorkshire e ha ripetuto le solite frasi di circostanza che si dicono in questi casi: Jo Cox era per la tolleranza, quindi onoriamola lottando contro gli estremismi. Come immagino facciate anche voi, non sto seguendo lo... Continua a leggere

Venerdì 24 giugno, il Brexit ha vinto il referendum. Cosa succede in Gran Bretagna? E nell’Unione?

Di Mauro Bottarelli , il - 29 commenti

Ma cosa succederà se davvero il 24 giugno l’Europa si sveglierà con la Gran Bretagna che ha scelto il Brexit? In modo pratico, come si svolgeranno gli eventi, al netto del panico del mercato e delle swap lines della Bce che lo inonderanno di liquidità? Per scelta, l’Ue non ha una road map che affronti questa ipotesi, proprio per non inviare messaggi allarmistici: quindi, nulla di pronto su carta. Anche perché, parlandoci molto chiaro, l’onda d’urto politica e... Continua a leggere

Il 31 maggio è nata la polizia del pensiero, attenti a cosa scrivete. Ue e social vanno a caccia di odio

Di Mauro Bottarelli , il - 106 commenti

Il mondo ha pianto la morte di Mohammed Alì e lo ha ricordato, oltre che come campione sul ring, anche come paladino dei diritti civili degli afro-americani, soprattutto dopo la conversione all’Islam sulla scorta del consenso delle masse nere per Malcolm X e le sue Black Panthers. Ecco cosa disse in un’intervista alla Bbc nel 1971 lo stesso Alì, parlando di razza e meticciato: “Sarei triste se mio figlio non assomigliasse a me, ogni uomo intelligente vuole che il proprio... Continua a leggere

Brexit o non Brexit, il mercato teme qualcosa. E il principale indiziato ha gli occhi a mandorla

Di Mauro Bottarelli , il - 3 commenti

Riguardo all’ipotesi di Brexit, ovvero di addio da parte del Regno Unito all’Ue nel referendum del prossimo 23 giugno, si è scatenato il panico generale dei poteri forti. Dall’FMI al governatore della Bank of England, da Obama ai papaveri di Bruxelles, è un continuo mettere in guardia – al limite del terrorismo psicologico – dai rischi che una scelta tale rappresenterebbe per la stabilità sociale ed economica della Gran Bretagna, oltre che per la sua sicurezza... Continua a leggere

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi