Archivi per tag: Viktor Orbàn

Visegrad blocca il nodo delle quote e in Austria nasce il governo OVP-FPO. E’ una buona giornata

Di Mauro Bottarelli , il - 64 commenti

La rassegna stampa d stamattina è stata indolore: ovunque, una diarchia di notizie. La cattura di Igor il russo e il caso Boschi-Etruria, con qua e là qualche caso locale o qualche approfondimento tipico del weekend, giorni in cui la gente ha più tempo per leggere. Mancavano due notizie dalle prime pagine, quantomeno dai titoli che contano: il flop dell’ultimo vertice europeo dell’anno sulla questione migranti e la nascita del governo austriaco. Al loro posto, il più classico... Continua a leggere

In Austria, tutto come da copione. Anzi, il tracollo dei Verdi è la vera, ottima notizia da festeggiare

Di Mauro Bottarelli , il - 121 commenti

E’ andata come doveva andare, come era previsto. Non fosse per quello 0,5% in più dell’SPO rispetto all’FPO, i sondaggisti si sarebbero rifatti in pieno dei disastri Trump e Brexit. Ma poco cambia, la coalizione sarà tra i popolari di Sebastian Kurz e il Partito della Libertà di HC Strache, un governo saldamente di centro-destra. E attenzione, perché gli alti lai dell’antinazismo che già si alzano dalle autorità europee e dai media mainstream, questa volta ci... Continua a leggere

Presto le ONG saranno colpevoli anche per Ustica. Ma che strano silenzio dell’UE sul caso Libia-Italia

Di Mauro Bottarelli , il - 108 commenti

Ormai siamo alla pantomima. Ma tragica, non tragicomica. Di colpo abbiamo scoperto che le ONG che operano da anni nel Mediterraneo non sono quegli specchiati esempi di virtù che giornali come “Repubblica” ci hanno spacciato fino a ieri. Certo, il gioco delle parti deve continuare e vi spiegherò dopo perché, almeno a mio avviso, quindi è normale che oggi la lettura nobile che ci offre il quotidiano di Carlo De Benedetti sia questa, Saviano: "Io sto con Medici senza... Continua a leggere

In Germania e Austria la rabbia non va derubricata a campagna elettorale. Pena un amaro risveglio

Di Mauro Bottarelli , il - 290 commenti

E alla fine, a dimostrazione che la situazione è tutt’altro che semplice, scese in campo il presidente Mattarella, parlando oggi pomeriggio alla Conferenza degli Ambasciatori: “Sono certo che lo stesso metodo di fermezza negoziale usato per risolvere il problema delle banche, sarà quello che ci consentirà di superare i numerosi ostacoli che ancora si frappongono a un lungimirante ed efficace governo del tema forse più rilevante oggi di fronte all’Unione Europea, quello di... Continua a leggere

Si scrive Orban, si legge Netanyahu: in arrivo un “effetto Bonino” sull’incontro Gentiloni-Soros?

Di Mauro Bottarelli , il - 133 commenti

“Dai Paesi dell’UE abbiamo diritto di pretendere solidarietà, non accettiamo lezioni, tanto meno possiamo accettare parole minacciose. Noi facciamo il nostro dovere e pretendiamo che l’Europa intera faccia il proprio dovere, invece di dare improbabili lezioni al nostro Paese”. Così, quasi gli avessero toccato un nervo scoperto, il premier Paolo Gentiloni ha risposto alla lettera inviatagli dal Gruppo di Visegrad (Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia), nella... Continua a leggere

Sui migranti, tutti a guardare la pagliuzza grillina. E non Draghi, che sta comprando la pace sociale

Di Mauro Bottarelli , il - 108 commenti

La polemica è di quelle titpiche italiane: nel Paese dei voltagabbana e dei Badoglio, si fa la fila per chi si dimostra più Torquemada degli altri nel denunciare l’incoerenza dell’avversario. Mi riferisco alla disputa sfociata tra il sindaco di Roma, Virginia Raggi e il ministero dell’Interno, dopo che la il primo cittadino della capitale ha detto basta all’arrivo di migranti in città. Apriti cielo, visto che la concomitanza dell’uscita del sindaco con il day... Continua a leggere

Dai migranti a Soros, ormai è delitto di lesa ONG. Ma Amiens ha varcato il Rubicone dell’ideologia

Di Mauro Bottarelli , il - 204 commenti

Ho dovuto darmi un pizzicotto, stamattina, perché credevo di stare ancora sognando. Eppure no, ero sveglio da un po’, stavo bevendo il secondo caffè, la sigaretta era accesa ma qualcosa mi diceva che era una dimensione onirica quella che stavo vivendo: un giornalista del “Fatto quotidiano” aveva detto di non credere alle accuse di un magistrato! Non scherzo, è successo davvero ad “Agorà” su Rai3 ed è successo poco fa: penso che a Lourdes si provino sensazioni... Continua a leggere

Oggi è la giornata del migrante. Quindi, smontiano un po’ di falsi miti: da Belgrado ai fan della Bhutto

Di Mauro Bottarelli , il - 50 commenti

Oggi è la giornata mondiale del migrante e del rifugiato e, quasi per un macabro scherzo del destino, proprio oggi si tornano a contare i morti nel Mediterraneo: un barcone carico di immigrati è naufragato a circa 30 miglia a nord delle coste libiche. Fino ad ora sono stati recuperati otto cadaveri e quattro superstiti che hanno riferito che a bordo vi erano 107 persone: insomma, una possibile nuova strage del mare. Le operazioni di soccorso sono coordinate dalla centrale operativa della... Continua a leggere

Sui migranti, la sindrome del “borghese piccolo piccolo” dilaga. Chiedetene conto a Frau Merkel

Di Mauro Bottarelli , il - 154 commenti

La corda si è definitivamente spezzata. E volano gli stracci. Sulla questione immigrazione l’Europa ha tenuto per mesi e mesi un atteggiamento che definire irresponsabile è un eufemismo e ora il frutto della scelta scellerata di aprire le porte a chiunque non sta avvelenando soltanto il dibattito politico ai più alti livelli ma sta erodendo il tessuto e la coesione sociale dei territori, ponendo i cittadini di fronte a due alternative: accettare lo status quo di ormai ospite a casa... Continua a leggere

Un’Europa bipolare e ipocrita va in ordine sparso verso Bratislava. Ma Francia e Germania tramano

Di Mauro Bottarelli , il - 139 commenti

“L’obiettivo a lungo termine della generazione Jihad è distruggere l’Europa attraverso una guerra civile e poi costruire una società islamica dalle sue ceneri. E quando parlo di generazione Jihad intendo un sempre crescente numero di islamici con pessime prospettive di lavoro che si uniscono per continuare a commettere atti di terrore in tutta Europa”. Così parlò, interpellato da Die Welt, il professor Gilles Kepel, specialista di islam e mondo islamico... Continua a leggere

Mentre la Polonia invoca la Nato contro Mosca, Budapest emette debito in yuan e cerca Putin

Di Mauro Bottarelli , il - 12 commenti

Era l’11 aprile scorso, quando il Comitato europeo dei diritti sociali, un organismo del Consiglio d’Europa, rendeva nota una nuova pronuncia sull’applicazione della Legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza. Il Comitato ha stabilito che l’Italia “viola il diritto alla salute delle donne” che vogliono abortire, poiché esse incontrano “notevoli difficoltà” nell’accesso ai servizi, anche per l’alto numero di medici... Continua a leggere

Un applauso all’Austria per il muro al Brennero, unico baluardo contro ipocrisia e buonismo Ue

Di Mauro Bottarelli , il - 132 commenti

Non so come la pensiate voi ma a mio avviso la morte di Gianroberto Casaleggio incarna in sé il più puro spirito italiano. Mi spiego: per il 90% delle persone fino all’altro giorno il guru dei Cinque Stelle era un matto che credeva alle scie chimiche e manipolava giovani menti attraverso il blog di Grillo, mezzo dittatore e mezzo Doc Brown di “Ritorno al futuro”. Ieri, una volta diffusa la notizia del decesso, è diventato unanimemente lo Steve Jobs della politica italiana,... Continua a leggere

Attenti al colpo di coda del predatore ferito. Se Erdogan userà l’arma dei migranti, sarà la fine

Di Mauro Bottarelli , il - 35 commenti

Formalmente, è una bella notizia. Ieri sono stati infatti scarcerati Can Dundar ed Erdem Gul, direttore e caporedattore di Cumhuriyet, arrestati per un scoop su un presunto passaggio di camion di armi dalla Turchia alla Siria, dopo il quale Erdogan promise che avrebbero pagato un “caro prezzo”. Uscendo dal carcere, Dundar ha detto “ci dispiace avervi fatto aspettare tanto. Lo sapete, oggi è il compleanno del presidente Erdogan. Siamo felici di celebrarlo con questa... Continua a leggere

Unione Europea e poteri forti stanno preparando una Maidan 2.0 in Polonia? Pare proprio di sì

Di Mauro Bottarelli , il - 19 commenti

Il 10 gennaio scorso in venti città polacche si sono tenute manifestazioni e cortei a favore della libertà di espressione e contro la controversa legge sui media appena promulgata dall’esecutivo di destra di Diritto e giustizia (PiS). Su invito del Comitato della difesa della democrazia (Kod), la cosiddetta espressione della società civile che in dicembre scorso ha difeso l’autonomia della Corte costituzionale e che pare abbia legami con l’Open Society di George Soros, la... Continua a leggere

Bruxelles blocca 493 milioni di euro destinati all’Ungheria

Di Ticino Live , il - 4 commenti

Con una decisione senza precedenti, la Commissione europea ha deciso di bloccare 493 milioni di euro di aiuti destinati all’Ungheria. Un blocco conseguente ai ripetuti richiami all’ordine all’indirizzo del governo del premier ungherese Viktor Orban, che rifiuta di portare correttivi all’eccessivo deficit economico del paese e che recentemente ha deciso di nazionalizzare la Banca centrale del suo paese, violando così lo statuto di indipendenza di cui beneficiano le... Continua a leggere

Spazzatura. Così Fitch declassa il rating dell’Ungheria

Di Ticino Live , il - Replica

L’agenzia statunitense di rating Fitch ha declassato il merito di credito dell’Ungheria portandolo al livello di “junk” ossia spazzatura. In questo modo ha seguito la decisione già intrapresa da Standard & Poor’s e Moody’s. Fitch ha comunicato che “Il declassamento dell’Ungheria riflette il deterioramento della posizione fiscale del paese, delle condizioni di finanziamento e delle prospettive di crescita, causate in parte dalle politiche economiche poco... Continua a leggere

Ungheria: commemorazione neonazista si trasforma in farsa

Di lafayette70 , il - Replica

Come una vicenda con dei risvolti assai preoccupanti riesce a trasformarsi in una burla nonostante la scabrosità dell’argomento.  Nell’Ungheria del Premier Viktor Orbàn, finita sotto i riflettori per la nuova legislazione sui media, piuttosto liberticida in verità, a coprirsi di ridicolo sono questa volta quelli di Jobbik. Emersa, dopo le elezioni dell’estate scorsa, come terza forza politica del paese, la compagine guidata dal sulfureo Gabor Vona si connota per il suo nazionalismo... Continua a leggere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi